Piancastagnaio. Il nostro saluto a “chef” Alessandro Narducci

0

Amiatanews (Marco Conti): Roma 22/06/2018
Un tragico incidente stradale si è portato via a Roma a soli 29 anni un giovane professionista già protagonista della cucina italiana. Con Alessandro, ha perso la vita l’amica Giulia, appena 25enne.
Il cordoglio dei colleghi e il profondo dispiacere dell’amico-maestro Angelo Troiani e della Contrada di Borgo

Abbiamo appena appreso della scomparsa di Alessandro Narducci, chef titolare del ristorante Acquolina, nel quartiere romano del Fleming, con il quale, il giovane chef, aveva meritato la stella Michelin.
Un tragico incidente stradale, la scorsa notte a Roma, si è portato via un ragazzo di 29 anni, innamorato della vita e della cucina, così come appresa dal suo maestro e amico Angelo Troiani, famoso chef stellato della capitale. Con Alessandro ha perso la vita l’amica Giulia, di 25 anni che era con lui, entrambi in sella a uno scooter innocente che transitava senza colpa prima di essere investito.
Il legame di Alessandro era forte con Piancastagnaio, in particolar modo con la Contrada di Borgo di cui era divenuto subito simpatizzante. Con Angelo Troiani, famoso chef stellato della capitale, Alessandro Narducci è stato protagonista a Piancastagnaio del “Pranzo Gourmet” 2017 organizzato dalla Contrada della Pinetina, ideato dal contradaiolo Antonio Angelini (imprenditore nel settore della ristorazione), presentando le grandi dote culinarie con quell’innata umiltà che contraddistingue i veri professionisti del settore e le persone che sanno condividere con semplicità e rispetto il piacere dello stare insieme.
Piancastagnaio_Procenello_2018_Chef_Puro_Sangue_locandinaAbbiamo in quell’occasione avuto il piacere di condividere bellissimi momenti con Alessandro, parlare con lui, appassionato e curioso di quel che vedeva attorno, tanto da soddisfare “di nascosto” la sua conoscenza verso il Palazzo Bourbon del Monte che vedeva così grande dinanzi a se. Ne abbiamo apprezzato la fresca bellezza del suo animo giovane, la sua idea di cucina condita di coraggio e lavoro, nata e cresciuta tra tradizione, innovazione e costante formazione professionale.
Lo aspettavamo, da qui a pochi giorni, il 15 Luglio, in occasione dell’iniziativa della Contrada di Borgo “Chef Purosangue” assieme all’amico Angelo Troiani e Daniele Lippi. Non sappiamo come andrà, sappiamo, purtroppo, com’è andata questa notte e il racconto che ne stiamo facendo.
Alla famiglia, agli amici di Alessandro, ad Angelo Troiani, Antonio Angelini e alla Contrada di Borgo, le nostre condoglianze conservando il sorriso che ci lasciò quasi un anno fa Alessandro.
Share.

About Author

Leave A Reply