Grosseto. Vittime di violenza: gli interventi e le testimonianze al decennale del Codice Rosa

Amiatanews: Grosseto 11/12/2019
Oggi, dieci anni fa, nasceva il Codice Rosa: il primo percorso inter-istituzionale in Italia, dedicato alle vittime di violenza.

Oggi, mercoledì 11 dicembre, all’ospedale Misericordia è stato celebrato il decennale del Codice Rosa con un’intera giornata dedicata a questo evento e la partecipazione di tutti i protagonisti che ne hanno fatto la storia.
Da quel giorno la sfida della squadra dedicata al progetto, composta dai professionisti della Asl di Grosseto, coordinati dalla dottoressa Vittoria Doretti, è stata vinta e importanti traguardi nel contrasto alla violenza sono stati raggiunti.

Grande è stata la partecipazione ai festeggiamenti per il decennale da parte di operatori sanitari toscani del progetto Codice Rosa, di rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle istituzioni locali, provinciali e regionali, tra cui in particolare l’assessore alla sanità Stefania Saccardi e il  consigliere regionale per il territorio Leonardo Marras.
Fra gli intervenuti si ricordano Elisa Petrucci dell’Ordine dei Farmacisti, Rita Malacarne dell’Ordine degli Infermieri, Marina Coppola, presidente nazionale del Soroptimist, Clara Mecacci presidente Soroptimist di Grosseto.
Nel corso della cerimonia sono stati conferiti riconoscimenti a rappresentanti delle istituzioni che nel 2009 hanno contribuito alla creazione del percorso Codice Rosa e in particolare a Gabriella Lepri, responsabile al tempo del centro antiviolenza e all’allora procuratore dottor Giuseppe Coniglio.
Sono stati, inoltre, trasmessi i video messaggi del Ministro per le pari opportunità, Elena Bonetti, e della senatrice Valeria Valente, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, che hanno posto l’accento sull’importanza di accogliere e proteggere le vittime di violenza all’interno di una Rete che coinvolga tutti: operatori sanitari, istituzioni, associazioni e Forze dell’Ordine. Solo grazie a queste sinergie si può riconoscere la violenza e abbattere stereotipi e pregiudizi, con l’augurio che in futuro non ci sia più nessuno da Codice Rosa e che si possa vivere in una società dove chiunque possa esprimere se stesso nel rispetto delle diversità e della persona.

Alcune dichiarazioni.
Vittoria Doretti:“Sono passati dieci anni da quando i componenti di quella che sarebbe stata la Task Force del Codice Rosa, si sono spogliati dei propri ruoli: professionisti sanitari e del sociale, giudici, appartenenti alle Forze dell’Ordine, rappresentanti delle istituzioni e delle autorità. Abbiamo tutti indossato un unica divisa di ordinanza, quella dell’umiltà di capire che dovevamo cambiare punto di vista, che il fenomeno ‘violenza’ non poteva essere combattuto separatamente. Da questa profonda presa di coscienza è nato Codice Rosa, da quando ogni operatore ha rappresentato non solo una competenza, ma una fibra dell’unico nodo centrale che solo se forte e tenace avrebbe potuto reggere il peso di quel grido di dolore e della richiesta di aiuto delle vittime di violenza, per non farlo cadere di nuovo nel vuoto. Oggi posso dire che abbiamo davvero acceso luci in ambiti oscuri”.

Antonio D’Urso, direttore generale Ausl Toscana sud est: “Festeggiare oggi il decennale del Codice Rosa, partito da Grosseto e poi esteso progressivamente in altre Aziende sanitarie toscane, mi fa ricordare quando ero direttore sanitario nell’allora Asl di Prato e di quanto questo progetto mi abbia cambiato più di quanto potessi immaginare. Da allora la violenza esercitata sulle persone fragili, donne, bambini e anziani, può essere riconosciuta e combattuta a partire dal pronto soccorso, dove un team di professionisti multidisciplinari, adeguatamente formati, è in grado di intervenire e fare la differenza nella vita di persone che hanno bisogno del massimo sostegno grazie a un percorso strutturato in ospedale. Il  Codice Rosa ha creato un nuovo alfabeto, favorito una metamorfosi, facendoci capire che la sanità si integra nel contesto sociale. Ringrazio gli assessori alla sanità di Siena, Francesca Apolloni, e di Arezzo, Lucia Tanti, e l’assessore alle Pari opportunità del Comune di Grosseto, Chiara Veltroni, nonchè tutte le autorità civili, militari, religiose che sono qui oggi con noi”.

Stefania Saccardi, assessore regionale al diritto alla salute e al welfare della Regione Toscana: “Dieci anni di Codice Rosa, e in questi dieci anni l’esperienza è cresciuta, sia in quantità che in qualità. Nato a Grosseto nel 2010, grazie alla felice intuizione e alla tenacia della dottoressa Vittoria Doretti, il Codice Rosa si è progressivamente esteso a tutta la Toscana, e ha fatto poi da apripista, diventando un modello a livello nazionale e diffondendosi in altre regioni. Dal 2014 è diventato un protocollo nazionale e sta ora riscuotendo grande attenzione anche in Europa. Il Codice Rosa è ora un’esperienza radicata e consolidata in tutti i pronto soccorso della Regione, e sistematizzata nella Rete regionale Codice Rosa. Nato come servizio sanitario, è diventato sempre di più un percorso di tipo sociosanitario: perché una donna non venga poi abbandonata una volta uscita dal pronto soccorso, abbiamo voluto una forte integrazione tra politiche sanitarie e sociali, per assistere anche sul piano psicologico e sociale le persone vittime di violenza. Un grazie particolare alla dottoressa Vittoria Doretti, che con passione e determinazione ha creato e portato avanti questa esperienza, a tutta la sua squadra, e a tutti quegli operatori che nei pronto soccorso, nei Centri antiviolenza, nelle Forze dell’ordine, nelle Procure, lavorano per il buon funzionamento del Codice Rosa”.

Anna Coluccia, coordinatrice del Master Codice Rosa: “Ringrazio le istituzioni che hanno reso possibile il Master  e messo a disposizione  borse di studio per favorire la formazione di operatori nell’ambito del progetto Codice Rosa, ma anche gli allievi che vi partecipano e che hanno compreso l’importanza di approfondire la propria conoscenza e acquisire ulteriori strumenti di lavoro in un settore delicatissimo in cui sono in gioco esistenze di persone che devono confrontarsi con il proprio doloroso vissuto per ripartire e ricominciare una nuova vita. Il Master è uno strumento per formare, ma anche per favorire un cambiamento culturale contro ogni forma di violenza”.

Donatella Spadi dell’Ordine dei Medici di Grosseto: “Orgogliosa di essere qui a festeggiare  un’intuizione che dieci anni fa  ha dato vita al Codice Rosa, che da progetto è diventato una Rete regionale, che ha coinvolto operatori di varie discipline. Dobbiamo combattere l’approccio culturale al tema della violenza di genere. Abbiamo ancora un lungo percorso da fare sia sugli uomini che sui giovani. Il nostro impegno non verrà meno”

Giacomo Termine, presidente Conferenza dei Sindaci area grossetana: “E’ motivo di orgoglio poter partecipare oggi a questa importante ricorrenza del Codice Rosa, progetto partito da Grosseto e che poi è cresciuto favorendo una forte rete territoriale. Il Codice Rosa ha il merito di avere generato azioni positive e sprigionato sensibilità sul tema della violenza, favorendo il cambiamento della società tuttora in atto. Anche se siamo cresciuti in attenzione, sensibilità e approccio consapevole al tema della violenza di genere c’è ancora un sommerso su cui dobbiamo lavorare tutti quanti insieme”.

Linda Laura Sabbadini, direttora dell’Istat: “Sono una donna di numeri e so bene quanto sommerso c’è nella violenza di genere, siamo addirittura intorno al 90%, a volte anche superiore in base al tipo di violenza. Per questo esprimo il mio sentito apprezzamento a Codice Rosa. Oggi è un grande giorno perchè festeggiamo i tanti anni di un’attività di squadra di altissimo livello che ha permesso che tanta violenza contro le donne emergesse e che tante donne sole e isolate si trovassero all’interno di una Rete supportate. Ognuno di noi può trasformarsi in una sentiunella, così come chiede codice Rosa, non bisogna mai lasciare sole le donne che subiscono violenza. Codice rosa  ce lo ha dimostrato,  con la sua storia, migliaia di donne prima assolutamente invisibili nelle storie dolorose e terribili sono state aiutate e sono riuscite a ricostruirsi una vita migliore. Questa è una vera eccellenza della sanità italiana. Un grazie sentito a tutti voi e un grazie particolare a Vittoria Doretti che con il suo entusiasmo e la sua elevata professionalità ha sempre combattuto a fianco delle donne. Grazie ancora”.

Nel corso della cerimonia un paio di video messaggi del Ministro alle Pari Opportunità Elena Bonetti e della senatrice Valeria Valente che hanno posto l’accento sull’importanza di accogliere e proteggere le vittime di violenza all’interno di una Rete che coinvolga tutti: operatori sanitari, istituzioni, associazioni e Forze dell’Ordine. Solo grazie a queste sinergie si può riconoscere la violenza e abbattere stereotipi e pregiudizi, con l’augurio che in futuro non ci sia più nessuno da Codice Rosa e che si possa vivere in una società dove chiunque possa esprimere se stesso nel rispetto delle diversità e della persona.

Anche la città di Grosseto  ha la sua panchina rossa, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne.
L’idea della Panchina rossa nasce nel 2014 per promuovere la campagna contro la violenza sulle donne, grazie all’artista Karim Cherif, writer torinese, che dipinge la prima panchina di rosso e  con due grandi occhi, specchio dell’anima.
Due anni dopo, nel 2016, gli Stati Generali delle Donne lanciano il Progetto “Panchina Rossa” in vista del 25 novembre, Giornata Internazionale della Violenza sulle donne, rivolto a Comuni,  associazioni, scuole e imprese di tutta Italia. L’ambassador del progetto, Tina Magenta, nel descrivere la finalità afferma che la panchina rossa deve disturbare, è una protesta, una denuncia e allo stesso tempo una speranza, frutto di un percorso di sensibilizzazione e di informazione; rappresenta un luogo, un momento di confronto e di riflessione sulla violenza contro le donne e sui cambiamenti culturali necessari per sconfiggerla. La sua presenza ha lo scopo di indurre i cittadini a fermarsi, a non dimenticare, a mantenere alta l’allerta.  serve a ricordare alle donne di tutte le età, a partire dalle più giovani, che non bisogna accettare nessun atto violento, a cominciare dall’uso di parole offensive o espressioni lesive della propria dignità, che spesso rappresentano il primo passo di una escalation. La panchina rossa è così il simbolo architettonico, un monito visibile e permanente contro la violenza sulle donne come il “Posto Occupato” e le “Scarpette Rosse”.Diversamente rispetto alle mostre temporanee o agli eventi, la panchina rossa resterà ogni giorno presente nelle comunità, nei parchi, nelle piazze di tanti Comuni italiani come monito per la difesa dei diritti delle donne e contro il femminicidio.
L’iniziativa è stata via via ripresa e realizzata da molti Comuni italiani e da domani anche la città di Grosseto avrà la sua panchina rossa.
Lo scorso luglio, Il Soroptimist International Club di Grosseto ha aderito al progetto della Asl Toscana sud est di Grosseto e nell’ambito del “Premio Anna Maria Briganti”, ha indetto un concorso per la decorazione di una panchina rossa da installare nella nuova ala dell’Ospedale Misericordia di Grosseto. La commissione composta da Clara Mecacci, presidente Soroptimist Club, Valentina Mancini, architetto e socia Soroptimist, Guya Monti, Promozione ed etica della Salute ASL Toscana Sud Est e Mauro Papa, direttore Clarisse Arte, ha valutato i progetti presentati in base a creatività e innovazione della proposta di decorazione, coerenza con il significato del tema “panchina rossa” e fattibilità della realizzazione.
Tra le proposte, la Commissione ha scelto il progetto dell’artista Nora Camarri che si è aggiudicato la realizzazione del panchina rossa che oggi, durante la celebrazione del decennale del Codice Rosa è stata svelata pubblicamente.


Fonti.
Comunicato Stampa USL Sud Est Toscana del 11/12/2019

Lascia un commento

ATTIVA COOKIES
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento

Dati personali

Privacy e cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (“GDPR”), dell’art. 13 e dell’art. 122 del D.lgs. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) e del provvedimento del Garante della privacy dell’8 maggio 2014 (“Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”)

La presente informativa è resa a coloro che si collegano al presente sito internet di titolarità di IT 2000 di Marco Conti (ditta individuale). Essa ha lo scopo di descrivere il trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il Sito e/o che usufruiscono dei servizi resi accessibili attraverso il Sito stesso, quali a titolo meramente esemplificativo, acquisto on line di libri, l’iscrizione alla newsletter. La presente informativa è resa soltanto per il Sito e per gli ulteriori siti di titolarità di IT 2000 di Marco Conti, ma non anche per altri siti web di titolarità di terzi eventualmente consultati dagli utenti tramite appositi link. Si invitano gli utenti a leggere attentamente la presente informativa prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali
Titolare del trattamento IT 2000 di Marco Conti, con sede legale in Vicolo della Musica, 25, Piancastagnaio Siena P. IVA 01259640520 – Cod. Fiscale CNT MRC 62L26 H5L1T.
Non è stato nominato il responsabile della protezione dei dati (DPO) di cui all’art.37 del regolamento UE 2016/679 in quanto le attività principali del titolare del trattamento non consistono nel monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala, né nel trattamento su larga scala di categorie particolari di dati di cui all’articolo 9.

Tipologia di dati trattati
IT 2000 di Marco Conti, titolare di Amiatanews, può raccogliere alcuni dati inseriti dagli utenti nei moduli (form), quali ad esempio nome, cognome, indirizzo email e/o altri dati personali eventualmente forniti volontariamente dagli utenti durante la fase di iscrizione alla newsletter o altre richieste inoltrate dall’utente tramite il Sito.
Il Sito è accessibile agli utenti senza necessità di conferimento dei propri dati personali.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito acquisiscono automaticamente, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet. Rientrano in questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP, i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, la fascia oraria della richiesta al server, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Si tratta di informazioni che, di base, non sono raccolte per essere associate a interessati identificati e che possono essere utilizzate da IT 2000 di Marco Conti al fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento. Tali informazioni potrebbero, inoltre, essere utilizzate per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito.

Finalità e base giuridica del trattamento
I dati personali degli utenti del Sito saranno trattati esclusivamente secondo le finalità e modalità di seguito descritte nell’elenco che segue:

  • Rilevare la sua esperienza d’uso delle nostre piattaforme, dei prodotti e servizi che offriamo e assicurare il corretto funzionamento delle pagine web e dei loro contenuti.
    I trattamenti posti in essere per queste finalità si basano su un legittimo interesse del Titolare.

Modalità del trattamento
Il trattamento dei dati personali avverrà nel pieno rispetto dei principi di riservatezza, correttezza, necessità, pertinenza, liceità e trasparenza imposti dal GDPR. Il trattamento dei dati personali verrà effettuato prevalentemente mediante l’utilizzo di strumenti elettronici, ma anche in modo manuale-cartaceo, in conformità con le disposizioni normative vigenti. Idonee misure di sicurezza saranno osservate per prevenire la perdita dei dati personali, usi illeciti o non corretti degli stessi ovvero accessi non autorizzati.

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati
Il conferimento da parte dell’utente dei propri dati personali (come meglio individuati nel relativo form di raccolta dati con apposita dicitura) è necessario, a seconda dei casi, per evadere richieste e domande dell’utente o per fornirgli i beni e servizi domandati. Il mancato conferimento di tali dati impedisce, pertanto, all’utente di ricevere le informazioni, i beni e/o servizi richiesti. Il trattamento dei dati in questione, in quanto volto a evadere richieste dell’interessato, non necessita dell’espresso consenso dell’utente. Il conferimento da parte dell’utente dei dati personali per finalità di marketing è, invece, facoltativo e il relativo trattamento può avvenire soltanto con l’espresso consenso dell’utente. Il mancato conferimento dei dati personali per tali finalità non impedisce all’utente l’accesso alle varie aree del Sito ovvero il ricevimento delle informazioni o la fornitura dei beni e/o servizi richiesti.

Ambito di comunicazione e diffusione dei dati
Per il perseguimento delle finalità di cui ai punti precedenti e nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario, i dati personali dell’utente potranno essere portati a conoscenza di dipendenti e collaboratori di IT 2000 di Marco Conti, all’uopo nominati responsabili e/o incaricati del trattamento, in ragione e nei limiti delle mansioni ed incarichi ai medesimi assegnati. Potranno, inoltre, venire a conoscenza dei dati personali dell’utente i seguenti soggetti che svolgono attività connesse e/o di supporto alle attività di IT 2000 di Marco Conti e a cui quest’ultima potrebbe rivolgersi – previa nomina quali responsabili del trattamento – per l’espletamento delle predette attività, nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario e nel rispetto delle finalità di cui ai precedente punti: i gestori e amministratori del sistema informatico di cui IT 2000 di Marco Conti si avvale; i soggetti che svolgono attività di assistenza e consulenza in favore di IT 2000 di Marco Contiin materia amministrativa, contabile, fiscale e legale; i soggetti che svolgono in favore di IT 2000 di Marco Conti attività logistica, di spedizione e trasporto; i soggetti a cui la facoltà di accedere ai dati personali dell’utente è riconosciuta da disposizioni di legge, regolamenti e/o dalla normativa comunitaria.

Conservazione dei dati
I dati personali forniti saranno trattati per tutta la durata del rapporto contrattuale tra di noi in essere e ulteriormente conservati esclusivamente per il periodo previsto per l’adempimento di obblighi di legge, sempre che non risulti necessario conservarli ulteriormente per difendere o far valere un diritto o per adempiere a eventuali ulteriori obblighi di legge o ordini delle Autorità.

Diritti degli interessati
In relazione al trattamento dei dati personali, l’interessato ha diritto di chiedere a IT 2000 di Marco Conti  l’accesso – può chiedere conferma che sia o meno in essere un trattamento di dati che la riguardano, oltre a maggiori chiarimenti circa le informazioni di cui alla presente Informativa, nonché di ricevere i dati stessi, nei limiti della ragionevolezza; la rettifica: può chiedere di rettificare o integrare i dati che ci ha fornito o comunque in nostro possesso, qualora inesatti; la cancellazione – può chiedere che i suoi dati acquisiti o trattati da IT 2000 di Marco Conti vengano cancellati, qualora non siano più necessari alle nostre finalità o laddove non vi siano contestazioni o controversie in essere, in caso di revoca del consenso o sua opposizione al trattamento, in caso di trattamento illecito, ovvero qualora sussista un obbligo legale di cancellazione; la limitazione – può chiedere la limitazione del trattamento dei suoi dati personali, quando ricorre una delle condizioni di cui all’art. 18 del GDPR; in tal caso, i suoi dati non saranno trattati, salvo che per la conservazione, senza il suo consenso fatta eccezione per quanto esplicitato nel medesimo articolo al comma 2. l’opposizione – può opporsi in qualunque momento al trattamento dei suoi dati sulla base di un nostro legittimo interesse, salvo che vi siano nostri motivi legittimi per procedere al trattamento che prevalgano sui suoi, per esempio per l’esercizio o la nostra difesa in sede giudiziaria; la sua opposizione prevarrà sempre e comunque sul nostro interesse legittimo a trattare i suoi dati per finalità di marketing; la portabilità – può chiedere di ricevere i suoi dati, o di farli trasmettere ad altro titolare da lei indicato, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico.
Inoltre, ai sensi dell’art. 7, par. 3, GDPR, la informiamo che può esercitare in qualsiasi momento il suo diritto di revoca del consenso, senza che venga pregiudicata la liceità del trattamento basata sul consenso prestato antecedentemente. La informiamo che ha, altresì, diritto di proporre reclamo dinanzi all’Autorità di Controllo, che in Italia è il Garante per la Protezione dei Dati Personali.
Per esercitare tali diritti, segnalare problemi o chiedere chiarimenti sul trattamento dei propri dati personali può inviare una mail al seguente indirizzo: amiatanews@gmail.com oppure scrivere al Titolare del Trattamento all’indirizzo postale: IT 2000 di Marco Conti, Vicolo della Musica, 25 – 53025 Piancastagnaio (Siena)

Utilizzo dei cookie

Cosa sono i cookie
Un “cookie” è un file di testo creato sul computer dell’utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, col fine di immagazzinare informazioni che possono essere usate durante la visita corrente o in visite successive dello stesso sito. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell’utente (Google Chrome, Mozilla Firefox, Internet Explorer, ecc) e memorizzati sul computer di quest’ultimo.

I cookie possono essere distinti sulla base di diversi criteri:

  • In base a chi li gestisce:
    • Cookie propri o di prima parte: si tratta dei cookie installati direttamente dal titolare del sito;
    • Cookie di terze parti: si tratta dei cookie installati attraverso il sito da soggetti terzi rispetto al titolare del sito.
  • In base al tempo in cui restano attivi:
    • Cookie di sessione: questi cookie conservano le informazioni necessarie durante la sessione di navigazione e vengono cancellati subito dopo la scadenza della sessione, ovvero con la chiusura del browser;
    • Cookie persistenti: sono conservati nel tuo computer per un certo tempo che va oltre la sessione di navigazione e il sito li legge ogni volta che effettui una nuova visita. Un cookie persistente possiede una data di scadenza determinata. Il cookie smetterà di funzionare dopo tale data.
  • In base alle finalità:
    I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Si utilizzano, ad esempio, per memorizzare le preferenze dell’utente, per rendere più pertinenti gli annunci pubblicitari, per contare il numero di visitatori su una pagina.
    Sulla base delle diverse funzioni da essi svolti, i cookie utilizzati possono essere distinti in:

    • Cookie tecnici
      Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web. Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure.
    • Cookie di profilazione
      Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

Tipologie di cookie utilizzate 
I cookie si utilizzano per il funzionamento tecnico del carrello dei prodotti e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite al sito. Non vengono invece in alcun modo utilizzati cookie per finalità profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione.

Nome Durata Funzione
PHPSESSID Si cancella al termine della sessione di navigazione Identifica una sessione utente
cart_in_use 6 minuti Nell’ambito di una sessione di navigazione, memorizza i dati relativi ai prodotti che l’utente inserisce nel carrello per procedere all’acquisto.
_ga 2 anni Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gid 24 ore Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gat 1 minuto Limita la raccolta di dati in siti molto trafficati. Raccoglie dati in modo anonimo.
  • PHPSESSID, cart_in_use sono cookie tecnici necessari a procedere all’acquisto dei prodotti in vendita sul sito. La loro disattivazione impedisce solo il funzionamento del carrello dei prodotti.
  • _ga, _gid, _gat sono cookie di monitoraggio che possono essere disattivati senza alcuna conseguenza sulla navigazione sito. Per disabilitarli si veda la sezione successiva.
    Il sito si avvale del servizio Google Analytics della società Google, Inc. (di seguito “Google”) per la generazione di statistiche sull’utilizzo del sito web; Google Analytics utilizza cookie che non memorizzano dati personali. Le informazioni ricavabili dai cookie sull’utilizzo del sito web da parte degli utenti (compresi gli indirizzi IP) verranno trasmesse dal browser dell’utente a Google, con sede a 1600 Amphitheatre Parkway, Mountain View, CA 94043, Stati Uniti, e depositate presso i server della società stessa.
    Secondo i termini di servizio in essere, Google utilizzerà queste informazioni, in qualità di titolare autonomo del trattamento, allo scopo di tracciare e esaminare l’utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito ad uso degli operatori del sito stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web, alle modalità di connessione (mobile, pc, browser utilizzato etc) e alle modalità di ricerca e raggiungimento delle pagine del portale. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non associerà gli indirizzi IP a nessun altro dato posseduto da Google.
    Per consultare l’informativa privacy della società Google, relativa al servizio Google Analytics, si prega di visitare il sito Internet http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html
    Per conoscere le norme sulla privacy di Google, si invita a vistare il sito Internet http://www.google.com/intl/it/privacy/privacy-policy.html
    Utilizzando questo sito, si acconsente al trattamento dei propri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopra indicati.

Disattivazione dei cookie
È possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi:

In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo fornito da Google per i browser principali.