Geotermia. Le contro deduzioni di GeotermiaSI rispetto alle false informazioni di SOS Geotermia e dei vari Comunicati NOGESI

Amiatanews: Larderello 11/12/2018
Proseguono i comunicati tra i comunicati favorevoli e svaforevoli alla geotermia elettrica

Passata la manifestazione di Larderello dello scorso 1° Dicembre e in vista di quella prevista per il prossimo 22 dicembre a Santa Fiora, si susseguono i comunicati e le prese di posizione tra i vari comitati a favore o non a favore dello sviluppo geotermico. Il tutto in un contesto, più che noto, che vede la possibile scelta del Governo, di non considerare più la geotermia  come fonte rinnovabile e quindi non più sostenibile attraverso finanziamenti.
Dopo aver pubblicato le posizioni di SOS Geotermia riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa “Geotermia SI” in risposta a quelli diffusi in questi giorni diffusi da SOS Geotermia e altri comitati che fanno riferimento a Rete NO GESI.
Ricordiamo che su Amiatanews è possibile ricercare informazioni sul tema nella categoria “Geotermia” e al link “SOS Geotermia” molti dei comunicati o articoli relativi

Di seguito il comunicato integrale di “Geotermia Sì”

LA VERITÀ “SCOMODA” DEI COMITATI.
LE BUGIE HANNO LE GAMBE CORTE PARTE SECONDA.

Dopo il nostro precedente comunicato di risposta alle fantasie di MD sugli incentivi che la Geotermia avrebbe ottenuto, ci apprestiamo a rispondere a SOS Geotermia e varie della rete NOGesi che continuano a postare come un mantra ossessivo sulla “presunta pericolosità” per la salute e l’ambiente della geotermia, però facendo un distinguo fra l’area classica di Larderello-Castelnuovo-Monterotondo e Radicondoli-Travale-Chiusdino con quella Amiatina, adducendo che qui i fluidi hanno diversa composizione chimica e quindi sono più pericolosi per la salute.
Riprendendo le passate motivazioni di contestazione addotte dai comitati NOGesi, circa il 100% di quanto indicato come fonte di pericolo per l’uomo e l’ambiente è stato sistematicamente smentito dalla scienza, previo accurati studi non di parte, realizzati da CNR, INGV e Università varie (in particolare per sismicità, falde idriche e Mercurio nei fiumi).
In tempi più recenti la campagna di disinformazione ha preso come bandiera alcune conclusioni riportate in una pubblicazione del 2013 del Prof. Basosi, anche se lo stesso ha a più riprese affermato di non reputare corretto nei suoi confronti l’utilizzo di poche frasi estrapolate dal suo studio per indicare come “letale” una tecnologia che sta funzionando nella migliore delle sue configurazioni. Inoltre, possiamo fin da ora affermare che lo studio in oggetto è ampiamento superato, dal nuovo assetto produttivo delle centrali Amiatine.
Nostro scopo è di dimostrare una volta per tutte che le “sconvolgenti verità” sono in realtà fake truth, ossia notizie false introdotte all’interno di altre vere, rendendo difficile a chi non conosce il problema di distinguere le bufale dalle verità.
Ci sembra doveroso iniziare dagli argomenti inerenti la salute delle popolazioni, riprendendo il pluricitato studio epidemiologico (prima fase) fatto fra il 2009 e il 2010 sulle condizioni sanitarie delle popolazioni delle Colline Metallifere e dell’Amiata. A questo proposito, copiamo e incolliamo di seguito le dichiarazioni della D.sa Nuvolone responsabile per ARS dello studio (Agenzia Regionale della Salute):
“Le conoscenze scientifiche sui rapporti tra geotermia e salute sono a tutt’oggi ancora molto limitate perché le aree nel mondo con emissioni geotermiche naturali – o derivanti da attività produttive – sono scarsamente popolate. Le criticità sanitarie emerse dall’indagine ARS sono concentrate nell’area dell’Amiata:
si tratta di un eccesso di mortalità generale ma solo nei maschi, un eccesso di mortalità per tumori, sempre solo nei maschi, ed un eccesso di malattie dell’apparato respiratorio.
Diversi indizi fanno pensare però che la geotermia abbia un ruolo marginale nel determinare queste debolezze di salute perché:
• gli eccessi di malattia/mortalità sono concentrati nell’area geotermica dell’Amiata, cioè quella di più recente sfruttamento, ma non nell’area tradizionale pisana
• gli eccessi nell’area amiatina sono presenti soprattutto nei maschi e non nelle femmine
• le debolezze di salute nella popolazione dell’Amiata sono presenti (come indicano i dati sanitari) da prima dello sviluppo dell’attività geotermica
• si tratta di patologie (come tumore dello stomaco, del colon, del fegato o le pneumoconiosi) per cui la letteratura scientifica indica come principali fattori determinanti quelli occupazionali (l’Amiata è stato tradizionalmente terra di attività mineraria), gli stili di vita, fattori genetici o altri ancora che non conosciamo.

La necessità condivisa da tutti, compresi noi favorevoli alla geotermia, concorda nella necessità di ottenere risposte ancora più certe sulla salubrità della risorsa, affinché essa non abbia quegli effetti comunque anche solo marginalmente ipotizzati dai detrattori.
Nello studio epidemiologico denominato “seconda fase”, che prende in considerazione gli anni dal 2009 al 2015 e che i NOGesi ben si guardano dal riferire, viene riportato:
“Relativamente all’aggiornamento degli indicatori di mortalità aggregati a livello comunale, il dato più interessante riguarda l’andamento storico degli eccessi di mortalità generale dei comuni amiatini. Dopo i picchi del 13-14% registrati nel periodo 2000-2006, che erano presenti nel report del CNR del 2010, negli ultimi anni disponibili dal 2009 al 2015, l’eccesso di mortalità generale negli uomini si è notevolmente
ridotto al 3.3%. Persiste invece l’eccesso di mortalità per tumori, sempre nei maschi e non nelle donne, che nel periodo 2009-2015 si assesta al 13%, dopo i picchi del 20% registrati negli anni precedenti (2000-2006).
Inoltre, i NOGesi scrivono di un incremento della mortalità rispetto al 1980, altra bugia perché dai dati riportati sempre sull’indagine di ARS, che partono addirittura dal 1971, si osservano cose notevolmente diverse come dimostrato dai grafici 1 e 2.

ARS_Dati_Geotermia_Grafico_Tassa_Mortalità_01 ARS_Dati_Geotermia_Grafico_Tassa_Mortalità_02

Nel 2017, nonostante i dati esposti fossero tranquillizzanti, i comitati hanno proseguito a martellare con la loro disinformazione, con particolare riferimento a una nuova campagna d’indagine sugli aspetti sanitari dei soli residenti dell’Amiata.
Questa campagna di indagine è denominata “Invetta” ed è finalizzata allo screening sanitario di un numero elevato di campioni, con analisi del sangue, urina e visite specialistiche mirate sui possibili disturbi che certi Metalli o Sali potrebbero portare. I primi dati, non ancora completi, sono stati presentati a ottobre 2018 ad Arcidosso.
Dalla prima lettura data dai professionisti che la conducono, è emerso che i volontari che si sono resi disponibili per l’analisi costituiscono un campione disomogeneo per fasce d’età, con conseguente necessaria rimodulazione dell’azione di scelta dei soggetti da sottoporre alle analisi e connessi ritardi nel proseguo dello screening. Quello che appare comunque è un diffuso superamento dei valori di metalli pesanti sia nelle urine che nel sangue.
Fra questi compare il Tallio, mai trovato nei fluidi geotermici neppure con la strumentazione più sensibile, mentre per quanto riguarda il Mercurio va ricordato che l’Amiata è un vulcano che ha cessato la propria attività da non più di 100000 anni e dove sono concentrate le più importanti miniere al mondo di tale minerale che è stato estratto a partire dall’epoca etrusca, per poi riprendere in modo esteso ed industriale dagli inizi del 1800, fino agli anni ’80 del secolo scorso in diversi siti, sia est che a sud che a ovest del cono vulcanico dell’Amiata, producendo rilevanti accumuli di rocce contaminate e di rosticci derivanti dalla cottura del minerale, messi spesso proprio sulla fascia di contatto fra la roccia vulcanica e l’incassante argilla, sovente in prossimità della zona di risorgiva dell’acqua utilizzata come fonte idropotabile dei vari centri abitati.
Analogo problema riguarda le gallerie di scolo delle miniere, che percolano l’acqua entrata in contatto con le mineralizzazioni di metalli pesanti come l’onnipresente Hg ma anche il Tallio e altri metalli pesanti.
Considerando l’aspetto tossicologico del Mercurio, in letteratura medica è noto “l’idragismo”, sintomatologia neurologica che provoca tremore, insonnia, irritabilità ect… ma non viene riconosciuta come causa di tumore, letteratura purtroppo abbondante per i casi di inquinamento a Idria in Dalmazia e a Minimata in Giappone.
Per quanto riguarda l’idrogeno solforato (H2S), occorre citare lo studio di Bates sulla popolazione della città di Roturoa (60000 abitanti residenti in un’area con imponenti manifestazioni geotermiche naturali di H2S), dove risulta un’influenza nulla sull’esposizione ad una concentrazione ben superiore a quella a cui sono sottoposti ora gli abitanti delle aree geotermiche Italiane, dopo l’installazione degli AMIS e da anni documentato dai dati ufficiali delle centraline di Enel Green Power e di Arpat, ma giudicate “farlocche” dai
comitati.
Peccato che anche questa fake truth sia stata completamente smentita dall’installazione nel 2018 di una centralina indipendente per il monitoraggio per la Qualità dell’aria da parte del Comune di Piancastagnaio. Questa è gestita da tecnici del Mise che, oltre a curarne la manutenzione e la taratura, effettuano anche la validazione e l’elaborazione dei dati: ebbene, da quanto pubblicato mensilmente fino a oggi non solo non è stato rilevato alcun tipo di sforamento, ma nemmeno sono stati registrati valori lontanamente vicini ai limiti
minimi definiti nelle diverse normative di controllo, risultando in linea con quanto finora pubblicato sui siti dei comuni e Arpat sui monitoraggi in continuo di Enel Green Power e di Arpat stessa.
Per quanto riferito alla pubblicazione del prof. Basosi, da cui sono riprese alcune frasi in realtà decontestualizzate, va fatta una dovuta premessa.
Lo studio del 2013 intitolato “Environmental impact of electricity from selected geothermal power plants in Italy” è stato redatto utilizzando i dati disponibili in Arpat nell’arco di tempo che va dal 2002 – 2009, periodo in cui si è avuta la progressiva installazione dei sistemi AMIS sulla maggior parte delle centrali geotermiche.
Rileggendo con maggiore attenzione quanto pubblicato nel 2013, nella tabella 1 si individua una inesattezza, peraltro significativa nella successiva analisi dei dati, ossia viene data per certa la presenza di Amis su 3 delle 4 centrali per tutto il periodo considerato.
Infatti in tabella 1 alla fine della seconda pagina, l’Amis risulterebbe installato su Bagnore3, PC3 e PC5, con PC4 dotatasi di questa tecnologia a fine 2008.
Ciò non corrisponde alla realtà, in quanto solo Bagnore3 era dotata di Amis fin dalla prima misura, mentre a PC3 è stato installato a agosto 2005, a PC5 nel dicembre 2005 ed a PC4 ad agosto 2008. Inoltre all’epoca a Bagnore3 non era ancora stato attivato l’abbattimento dell’ammoniaca NH3, al contrario di oggi in cui ne viene abbattuta oltre il 75% modificando totalmente i risultati e le conseguenti conclusioni.
Inoltre non risultano disponibili i dati relativi agli anni 2004-2005-2006 e 2007 per le c.li PC4 e PC5 obbligando a eseguire la media dei valori di questi anni solo su due impianti di cui uno dotatosi di filtri solo successivamente al 2005.
Da questi dati sono stati ricavati 3 indicatori di potenziale impatto ambientale:
GWP (Global Warning Potential) che ha impatto globale, in cui sono considerate le emissioni in kg di CO2 equivalenti di CO2, CH4, N2O, SF6, CF4 e C2F6 (alcuni di questi gas non sono presenti nei fluidi geotermici, ma si presentano negli scarichi di centrali termoelettriche).
ACP (ACidification Potential) con impatto regionale, che considera kg SO2 equivalenti (SOx, SO2, NOx. NO2, NH3, HCl, HF, H2S).
HTP (Human Toxicity Potential) con impatto regionale, che considera come parametro kg 1.4 DB equivalenti (SO2, NOx. NO2, As Pb, Mn, Hg, Ni, Se).

Una volta calcolati con i dati in possesso (ripetiamo molto diversi da quelli attuali per le migliorie effettuate nell’ottica del “Near zero emission”), sono stati paragonati con gli stessi indicatori calcolati per centrali a carbone e a gas naturale.
I tre grafici ottenuti hanno significative variazioni nel corso degli anni (sarebbe interessante ripetere questi calcoli con i valori attuali di emissione) così sintetizzabili:
Greenhouse Warning (GWP): a causa dei valori di CO2 presenti naturalmente (e non prodotti da combustione) gli indicatori hanno un andamento in linea con le centrali a gas naturale e comunque sempre inferiori anche del 50% rispetto al carbone.
Human Toxicity (HTP): i valori degli indicatori sono fino 9 volte inferiori a quelli del carbone e fino a 7 inferiori a quelli del gas naturale.
ACidification (ACP): gli indicatori viziati dalla presenza di ammoniaca di Bagnore3 non ancora filtrata tramite l’Amis, hanno dei picchi elevati specie nel 2005 e 2006, mentre si riducono notevolmente nel 2008 e 2009. Per quanto riguarda le centrali PC3, PC4 e PC5 è evidente l’influenza positiva dell’installazione dell’Amis con valori di ACP vicini a zero per PC5, PC3 e PC4 nel 2009 con l’abbattitore appena entrato in esercizio.
Quindi, come riportato dal Prof. Basosi, estrapolare solo singoli concetti del suo lavoro senza riportare l’intero studio è certamente scorretto.

Vorremmo ora puntualizzare una frase sulla pubblicazione di cui sopra: a pag 305 (la 5^) viene riportato un commento sul concetto che la coltivazione geotermica incrementa la risalita della CO2 verso la superficie in maniera innaturale, mentre a pagina 302 (la 2^) si riferisce di una pubblicazione del prof. Frondini (2009) che ipotizza come il degassamento naturale del vulcano sia probabilmente inferiore alle emissioni delle centrali.
Anche questa ipotesi risulta superata, in quanto come dimostrato da una recente pubblicazione del prof. Sbrana di UNIPI, al termine di una puntuale campagna di misure dirette (oltre 2000 punti misurati su tutto il complesso vulcanico amiatino comprese le importanti manifestazioni naturali presenti), risulta che le emissioni di CO2 delle centrali, rappresentino appena il 5% del totale rilasciato naturalmente, riducendo ulteriormente l’impatto sul fattore ACP.
Sugli incentivi crediamo ci sia poco da dire, essi sono necessari per continuare lo sviluppo tecnologico verso un futuro con emissioni zero, mentre sui rischi e sulle implicazioni ambientali, come l’inquinamento delle falde idropotabili, ci sembra che la risposta stia arrivando dai 5 anni pregressi di controlli in continuo della falda nelle vulcaniti amiatine, dove come affermato da scienziati del CNR e dall’UNISI non c’è alcuna interferenza, né c’è mai stata in passato.
Per quanto riguarda la microsismica dovuta a eventi antropici, la risposta è stata chiaramente espressa dai tecnici di ISPRA e dai ricercatori di INGV, ossia in un campo a elevata permeabilità secondaria, la pressione di poro nei pozzi di reiniezione non induce né innesca eventi sismici. Ne sono esempio lampante i site test voluti a furor di popolo dopo gli eventi del 2012 in Emilia nei campi di stoccaggio di gas metano e produzione di petrolio: a tal proposito, i site test non hanno ancora evidenziato eventi tellurici connessi
o riconducibili alla reiniezione dei fluidi nel serbatoio. La microsismicità, che saltuariamente può essere individuata, rappresenta meno del 5% degli eventi totali e come indica il prefisso “micro” ha intensità inferiori a Magnitudo 1, pertanto non percepibili dall’uomo.
Ai punti 8, 9 e 10 inerenti i limiti delle emissioni credo sia necessaria un’unica risposta cumulativa.
I limiti delle emissioni sono stati fissati dalla Regione Toscana in misura ampiamente inferiori a quelli utilizzati nel resto del paese, proprio per tutelare la salute pubblica, ossia a garanzia che gli impianti di abbattimento debbano essere sempre attivi ed efficienti.
Per quanto riguarda l’acido solfidrico (H2S) emesso dalle centrali geotermoelettriche, esso costituisce la sostanza dal caratteristico odore delle aree termali, detto anche di “uova marce”. Tale percezione olfattiva si verifica quando la concentrazione in aria di questa sostanza supera i 7μg/m3 (il microgrammo è un milionesimo di grammo), valore comunque molto al di sotto del limite di attenzione sanitaria stabilito dalla Linea Guida del WHO (150 μg/m3 come media nelle 24 ore), ovvero avvertire il cattivo odore non significa che esista un rischio sanitario. La soglia di percezione olfattiva di 7μg/m3 è un valore convenzionale
al cui livello solo il 50% della popolazione esposta percepisce un disturbo olfattivo. Sulla base delle diverse sensibilità individuali, è possibile che una piccola parte di popolazione esposta possa avvertire un disturbo olfattivo già a partire da una concentrazione di aria di 4 μg/m3.
Ad oggi tutte le centrali sono dotate di un sistema di abbattimento del mercurio e dell’acido solfidrico presenti nei gas incondensabili, denominato AMIS, in grado di abbattere il 99% dell’acido solfidrico che si ripartisce nel gas in uscita dal condensatore e, successivamente, in entrata AMIS. La parte restante di acido solfidrico si ripartisce, anziché nel gas, nelle condense, e una piccola quota di essa viene emessa allo stato
aeriforme dalle torri refrigeranti, da cui esce vapore acqueo, causando talvolta il superamento della soglia di percezione olfattiva.
Il mercurio è un elemento fortemente reattivo e, in caso di intossicazione, riduce la funzionalità di enzimi e proteine; l’organo bersaglio maggiormente a rischio è il sistema nervoso centrale. Il mercurio elementare è presente in forma naturale, in ambiente, con valori di 2 – 4 ng/m3 misurati in zone remote, lontane da industrie e prive di anomalie geologiche locali, mentre nelle aree urbane sono normalmente misurati circa 20 ng/m3 [1 nanogrammo (ng) corrisponde a 1 miliardesimo di grammo (g)]. Le determinazioni dei livelli
di esposizione da mercurio della popolazione della zona del Monte Amiata, dovuti alla somma dei due contributi, componente naturale, pur in presenza di una significativa anomalia geologica, più la componente emissiva della Centrali geotermoelettriche, dimostrano valori molto lontani dal valore limite di cautela sanitaria stabilito dalle Linee Guida internazionali (WHO, ATSDR, EPA), che è di 200 ng/m3 mediato su base annua.
Nell’area del Monte Amiata si registrano dati spesso paragonabili ai livelli di fondo naturale, ovvero per lo più compresi fra 2 – 4 ng/m3 con alcuni picchi a 8 – 20 ng/m3; fra l’altro i dati determinati da ARPAT sono registrati su base oraria invece che su base annua, per questo maggiormente cautelativi.
Il funzionamento dell’Amis è regolarmente monitorato come la sua efficienza complessiva sull’abbattimento di H2S e Hg, in quanto viene fatto un bilancio di massa, fra l’ingresso alla turbina e lo scarico sulle torri, valutando cosi l’effettivo abbattimento del sistema espresso in percentuale e la verifica del limite di emissione previsto per legge.
In parallelo all’Amis sono stati implementati nuovi demister sulle torri refrigeranti, che grazie alla loro particolare conformazione eliminano quasi totalmente il trascinato liquido (Drift) contenente Arsenico, Boro e Antimonio.
Capitolo a parte merita la valutazione delle emissioni di Ammoniaca (NH3), considerata un precursore della Polveri Sottili PM10.
Le emissioni nella zona di Bagnore sono sicuramente importanti, ma dal 2015 sia per Bagnore3 che per Bagnore4 è stato implementato nell’Amis un ulteriore sistema di abbattimento specifico per l’ammoniaca, riducendo fino al 75% la quantità fra entrata e scarico.
Vale però su questo aspetto considerare che l’emissione annuale dalle torri delle centrali di Bagnore (abbattimento del 75% delle 620 t/anno in ingresso, con emissione effettiva di 160 t/anno) equivale o è inferiore a quelle di un allevamento di mucche o di animali da cortile o di campi e vigne trattate con concimi chimici. Probabilmente i limitrofi allevamenti di tacchini o un centinaio di ettari di vigne hanno analoghe o superiori emissioni di ammoniaca. Per esempio, risultano decine di comuni veneti con emissioni di NH3 fino a 730 t/anno.Veneto_Cartina_Emissioni_Numero_Animali_2013La Lombardia sempre da fonti regionali ufficiali ha comuni che emettono fino a 50 t/h al kmq.Lombardia_Cartina_Emissioni_NH3_2014

Geotermia Si

 


Fonti.
Comunicato stampa Geotermia SI

Lascia un commento

ATTIVA COOKIES
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento

Dati personali

Privacy e cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (“GDPR”), dell’art. 13 e dell’art. 122 del D.lgs. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) e del provvedimento del Garante della privacy dell’8 maggio 2014 (“Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”)

La presente informativa è resa a coloro che si collegano al presente sito internet di titolarità di IT 2000 di Marco Conti (ditta individuale). Essa ha lo scopo di descrivere il trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il Sito e/o che usufruiscono dei servizi resi accessibili attraverso il Sito stesso, quali a titolo meramente esemplificativo, acquisto on line di libri, l’iscrizione alla newsletter. La presente informativa è resa soltanto per il Sito e per gli ulteriori siti di titolarità di IT 2000 di Marco Conti, ma non anche per altri siti web di titolarità di terzi eventualmente consultati dagli utenti tramite appositi link. Si invitano gli utenti a leggere attentamente la presente informativa prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali
Titolare del trattamento IT 2000 di Marco Conti, con sede legale in Vicolo della Musica, 25, Piancastagnaio Siena P. IVA 01259640520 – Cod. Fiscale CNT MRC 62L26 H5L1T.
Non è stato nominato il responsabile della protezione dei dati (DPO) di cui all’art.37 del regolamento UE 2016/679 in quanto le attività principali del titolare del trattamento non consistono nel monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala, né nel trattamento su larga scala di categorie particolari di dati di cui all’articolo 9.

Tipologia di dati trattati
IT 2000 di Marco Conti, titolare di Amiatanews, può raccogliere alcuni dati inseriti dagli utenti nei moduli (form), quali ad esempio nome, cognome, indirizzo email e/o altri dati personali eventualmente forniti volontariamente dagli utenti durante la fase di iscrizione alla newsletter o altre richieste inoltrate dall’utente tramite il Sito.
Il Sito è accessibile agli utenti senza necessità di conferimento dei propri dati personali.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito acquisiscono automaticamente, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet. Rientrano in questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP, i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, la fascia oraria della richiesta al server, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Si tratta di informazioni che, di base, non sono raccolte per essere associate a interessati identificati e che possono essere utilizzate da IT 2000 di Marco Conti al fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento. Tali informazioni potrebbero, inoltre, essere utilizzate per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito.

Finalità e base giuridica del trattamento
I dati personali degli utenti del Sito saranno trattati esclusivamente secondo le finalità e modalità di seguito descritte nell’elenco che segue:

  • Rilevare la sua esperienza d’uso delle nostre piattaforme, dei prodotti e servizi che offriamo e assicurare il corretto funzionamento delle pagine web e dei loro contenuti.
    I trattamenti posti in essere per queste finalità si basano su un legittimo interesse del Titolare.

Modalità del trattamento
Il trattamento dei dati personali avverrà nel pieno rispetto dei principi di riservatezza, correttezza, necessità, pertinenza, liceità e trasparenza imposti dal GDPR. Il trattamento dei dati personali verrà effettuato prevalentemente mediante l’utilizzo di strumenti elettronici, ma anche in modo manuale-cartaceo, in conformità con le disposizioni normative vigenti. Idonee misure di sicurezza saranno osservate per prevenire la perdita dei dati personali, usi illeciti o non corretti degli stessi ovvero accessi non autorizzati.

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati
Il conferimento da parte dell’utente dei propri dati personali (come meglio individuati nel relativo form di raccolta dati con apposita dicitura) è necessario, a seconda dei casi, per evadere richieste e domande dell’utente o per fornirgli i beni e servizi domandati. Il mancato conferimento di tali dati impedisce, pertanto, all’utente di ricevere le informazioni, i beni e/o servizi richiesti. Il trattamento dei dati in questione, in quanto volto a evadere richieste dell’interessato, non necessita dell’espresso consenso dell’utente. Il conferimento da parte dell’utente dei dati personali per finalità di marketing è, invece, facoltativo e il relativo trattamento può avvenire soltanto con l’espresso consenso dell’utente. Il mancato conferimento dei dati personali per tali finalità non impedisce all’utente l’accesso alle varie aree del Sito ovvero il ricevimento delle informazioni o la fornitura dei beni e/o servizi richiesti.

Ambito di comunicazione e diffusione dei dati
Per il perseguimento delle finalità di cui ai punti precedenti e nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario, i dati personali dell’utente potranno essere portati a conoscenza di dipendenti e collaboratori di IT 2000 di Marco Conti, all’uopo nominati responsabili e/o incaricati del trattamento, in ragione e nei limiti delle mansioni ed incarichi ai medesimi assegnati. Potranno, inoltre, venire a conoscenza dei dati personali dell’utente i seguenti soggetti che svolgono attività connesse e/o di supporto alle attività di IT 2000 di Marco Conti e a cui quest’ultima potrebbe rivolgersi – previa nomina quali responsabili del trattamento – per l’espletamento delle predette attività, nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario e nel rispetto delle finalità di cui ai precedente punti: i gestori e amministratori del sistema informatico di cui IT 2000 di Marco Conti si avvale; i soggetti che svolgono attività di assistenza e consulenza in favore di IT 2000 di Marco Contiin materia amministrativa, contabile, fiscale e legale; i soggetti che svolgono in favore di IT 2000 di Marco Conti attività logistica, di spedizione e trasporto; i soggetti a cui la facoltà di accedere ai dati personali dell’utente è riconosciuta da disposizioni di legge, regolamenti e/o dalla normativa comunitaria.

Conservazione dei dati
I dati personali forniti saranno trattati per tutta la durata del rapporto contrattuale tra di noi in essere e ulteriormente conservati esclusivamente per il periodo previsto per l’adempimento di obblighi di legge, sempre che non risulti necessario conservarli ulteriormente per difendere o far valere un diritto o per adempiere a eventuali ulteriori obblighi di legge o ordini delle Autorità.

Diritti degli interessati
In relazione al trattamento dei dati personali, l’interessato ha diritto di chiedere a IT 2000 di Marco Conti  l’accesso – può chiedere conferma che sia o meno in essere un trattamento di dati che la riguardano, oltre a maggiori chiarimenti circa le informazioni di cui alla presente Informativa, nonché di ricevere i dati stessi, nei limiti della ragionevolezza; la rettifica: può chiedere di rettificare o integrare i dati che ci ha fornito o comunque in nostro possesso, qualora inesatti; la cancellazione – può chiedere che i suoi dati acquisiti o trattati da IT 2000 di Marco Conti vengano cancellati, qualora non siano più necessari alle nostre finalità o laddove non vi siano contestazioni o controversie in essere, in caso di revoca del consenso o sua opposizione al trattamento, in caso di trattamento illecito, ovvero qualora sussista un obbligo legale di cancellazione; la limitazione – può chiedere la limitazione del trattamento dei suoi dati personali, quando ricorre una delle condizioni di cui all’art. 18 del GDPR; in tal caso, i suoi dati non saranno trattati, salvo che per la conservazione, senza il suo consenso fatta eccezione per quanto esplicitato nel medesimo articolo al comma 2. l’opposizione – può opporsi in qualunque momento al trattamento dei suoi dati sulla base di un nostro legittimo interesse, salvo che vi siano nostri motivi legittimi per procedere al trattamento che prevalgano sui suoi, per esempio per l’esercizio o la nostra difesa in sede giudiziaria; la sua opposizione prevarrà sempre e comunque sul nostro interesse legittimo a trattare i suoi dati per finalità di marketing; la portabilità – può chiedere di ricevere i suoi dati, o di farli trasmettere ad altro titolare da lei indicato, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico.
Inoltre, ai sensi dell’art. 7, par. 3, GDPR, la informiamo che può esercitare in qualsiasi momento il suo diritto di revoca del consenso, senza che venga pregiudicata la liceità del trattamento basata sul consenso prestato antecedentemente. La informiamo che ha, altresì, diritto di proporre reclamo dinanzi all’Autorità di Controllo, che in Italia è il Garante per la Protezione dei Dati Personali.
Per esercitare tali diritti, segnalare problemi o chiedere chiarimenti sul trattamento dei propri dati personali può inviare una mail al seguente indirizzo: amiatanews@gmail.com oppure scrivere al Titolare del Trattamento all’indirizzo postale: IT 2000 di Marco Conti, Vicolo della Musica, 25 – 53025 Piancastagnaio (Siena)

Utilizzo dei cookie

Cosa sono i cookie
Un “cookie” è un file di testo creato sul computer dell’utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, col fine di immagazzinare informazioni che possono essere usate durante la visita corrente o in visite successive dello stesso sito. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell’utente (Google Chrome, Mozilla Firefox, Internet Explorer, ecc) e memorizzati sul computer di quest’ultimo.

I cookie possono essere distinti sulla base di diversi criteri:

  • In base a chi li gestisce:
    • Cookie propri o di prima parte: si tratta dei cookie installati direttamente dal titolare del sito;
    • Cookie di terze parti: si tratta dei cookie installati attraverso il sito da soggetti terzi rispetto al titolare del sito.
  • In base al tempo in cui restano attivi:
    • Cookie di sessione: questi cookie conservano le informazioni necessarie durante la sessione di navigazione e vengono cancellati subito dopo la scadenza della sessione, ovvero con la chiusura del browser;
    • Cookie persistenti: sono conservati nel tuo computer per un certo tempo che va oltre la sessione di navigazione e il sito li legge ogni volta che effettui una nuova visita. Un cookie persistente possiede una data di scadenza determinata. Il cookie smetterà di funzionare dopo tale data.
  • In base alle finalità:
    I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Si utilizzano, ad esempio, per memorizzare le preferenze dell’utente, per rendere più pertinenti gli annunci pubblicitari, per contare il numero di visitatori su una pagina.
    Sulla base delle diverse funzioni da essi svolti, i cookie utilizzati possono essere distinti in:

    • Cookie tecnici
      Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web. Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure.
    • Cookie di profilazione
      Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

Tipologie di cookie utilizzate 
I cookie si utilizzano per il funzionamento tecnico del carrello dei prodotti e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite al sito. Non vengono invece in alcun modo utilizzati cookie per finalità profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione.

Nome Durata Funzione
PHPSESSID Si cancella al termine della sessione di navigazione Identifica una sessione utente
cart_in_use 6 minuti Nell’ambito di una sessione di navigazione, memorizza i dati relativi ai prodotti che l’utente inserisce nel carrello per procedere all’acquisto.
_ga 2 anni Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gid 24 ore Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gat 1 minuto Limita la raccolta di dati in siti molto trafficati. Raccoglie dati in modo anonimo.
  • PHPSESSID, cart_in_use sono cookie tecnici necessari a procedere all’acquisto dei prodotti in vendita sul sito. La loro disattivazione impedisce solo il funzionamento del carrello dei prodotti.
  • _ga, _gid, _gat sono cookie di monitoraggio che possono essere disattivati senza alcuna conseguenza sulla navigazione sito. Per disabilitarli si veda la sezione successiva.
    Il sito si avvale del servizio Google Analytics della società Google, Inc. (di seguito “Google”) per la generazione di statistiche sull’utilizzo del sito web; Google Analytics utilizza cookie che non memorizzano dati personali. Le informazioni ricavabili dai cookie sull’utilizzo del sito web da parte degli utenti (compresi gli indirizzi IP) verranno trasmesse dal browser dell’utente a Google, con sede a 1600 Amphitheatre Parkway, Mountain View, CA 94043, Stati Uniti, e depositate presso i server della società stessa.
    Secondo i termini di servizio in essere, Google utilizzerà queste informazioni, in qualità di titolare autonomo del trattamento, allo scopo di tracciare e esaminare l’utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito ad uso degli operatori del sito stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web, alle modalità di connessione (mobile, pc, browser utilizzato etc) e alle modalità di ricerca e raggiungimento delle pagine del portale. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non associerà gli indirizzi IP a nessun altro dato posseduto da Google.
    Per consultare l’informativa privacy della società Google, relativa al servizio Google Analytics, si prega di visitare il sito Internet http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html
    Per conoscere le norme sulla privacy di Google, si invita a vistare il sito Internet http://www.google.com/intl/it/privacy/privacy-policy.html
    Utilizzando questo sito, si acconsente al trattamento dei propri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopra indicati.

Disattivazione dei cookie
È possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi:

In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo fornito da Google per i browser principali.