Amiata. Floramiata: dopo l’incontro in Regione, la prima assemblea dei lavoratori tra speranze e certezze

Amiatanews: Abbadia San Salvatore 21/10/2015 Dopo l’incontro in Regione, la prima assemblea tra lavoratori e OO.SS. Soddisfazione per il primo incontro a Firenze, viste le volontà della Regione. Cassa integrazione in deroga, disoccupazione agraria, criteri di scelta e rotazione per tutti i lavoratori, tempi certi per il bando di vendita, gli argomenti trattati.

Si è svolta ieri sera ad Abbadia San Salvatore, presso il Club 71, l’Assemblea dei lavoratori di Floramiata assieme alle OO.SS. Un’assemblea dove hanno partecipato sostanzialmente quasi tutti i lavoratori, organi di stampa ed interessati alla triste vicenda. L’atteso incontro era stato fissato per fare il punto della situazione, dopo i colloqui della mattina presso il Palazzo della Regione Toscana, a cui avevano partecipato, oltre le rappresentanze dei Sindacati, il curatore fallimentare Gianni Sismondi , il consigliere per le politiche del lavoro del Presidente Rossi, Gianfranco Simoncini, il Sindaco di Piancastagnaio Luigi Vagaggini e quello di Abbadia S. Salvatore Fabrizio Tondi. I lavoratori di Floramiata avevano, come indicato dagli stessi Sindacati, rinunciato alla presenza attraverso l’annullamento del sit-in, precedentemente annunciato il 12 ottobre u.s. Le rappresentanze delle OO.SS. presenti (Tiziano Lazzerelli per la CGIL Amiata, Paola Bittarello, per la Flai Cgil, Daniela Cherubini, per la Fai Cisl e Antonio Pietrilli, in rappresentanza della Uila Uil), hanno riportato quel che è sostanzialmente emerso nell’incontro fiorentino, ovvero la volontà della Regione Toscana ad utilizzare ammortizzatori sociali, sia per i lavoratori a tempo indeterminato che per gli avventizi, e l’intenzione di accelerare i tempi per l’asta pubblica di vendita dell’azienda. Relativamente agli ammortizzatori sociali, si tratterebbe di una “cassa integrazione in deroga” per i lavoratori a tempo indeterminato e della “disoccupazione agricola” per gli avventizi con almeno 102 giornate lavorative. Floramiata_Assemblea_20151021_07 Ricordiamo che ad oggi, sono 74 (da subito 52 e successivamente 22), i lavoratori richiamati in azienda dal curatore Sismondi, la metà circa di quelli con contratto solo a tempo indeterminato; nessun avventizio è rientrato in azienda. Il richiamo dei lavoratori è dovuto al fatto che, pur con la dichiarazione di fallimento da parte del Tribunale di Siena di Floramiata Servizi Srl, è stato accordato un esercizio provvisorio, così da rendere comunque attiva l’azienda e portarla ad un’asta di vendita pubblica entro sei mesi, ovvero intorno  Febbraio-Marzo 2016. Dalle parole  di Tiziano Lazzerelli (CGIL), “… la soddisfazione per come la Regione e lo stesso curatore fallimentare Sismondi, abbiano preso da subito, coscienza di come la chiusura definitiva di Floramiata,  causerebbe anche una forte astensione dai consumi nel tessutro tra Piancastagnaio ed Abbadia S. Salvatore, calcolabile in circa due milioni di Euro, con ripercussioni indubbiamente gravi anche da chi non è colpito direttamente dai licenziamenti…“. Lazzerelli ha detto come, durante l’incontro, “… siano stati toccati gli argomenti basilari della discussione: l’applicazione della cassa integrazione; la collocazione giuridica degli avventizi; i criteri di scelta che han determinate le assunzione dei richiamati. Soprattutto, abbiamo posto le basi per quello che sicuramente è il problema più importante da risolvere, ovvero quello delle prospettive per l’azienda che viene, in questa fase, determinato dagli atti giuridici che verranno emessi. Compito del Sindacato è quello di contribuire, in maniera significativa, creare le condizioni più favorevoli dal punto di vista economico ed infrastrutturale, quando Floramiata verrà messa all’asta attraverso un bando diffuso anche a livello europeo. Condizioni che diano futuro a Floramiata, ma anche futuro all’intero comprensorio ed all’indotto.”

Daniela Cherubini (Fai Cisl), ha sottolineato come il tavolo in Regione, “…sia stato molto partecipato ed impegnato. Tutti i presenti avevano a cuore l’azienda ed il territorio, con unità d’intenti. Gli stessi Sindaci di Piancastagnaio (Vagaggini) e di Abbadia (Tondi), si sono mostrati uniti nella proposta e nell’atteggiamento, così come sempre dall’inizio della vicenda Floramiata. I temi di fondo sono stati, ovviamente, quelli legati alle tutele economiche, in questa fase di esercizio provvisorio, e quello delle prospettive, ovvero l’acquisizione di Floramiata da terzi. Sulla cassa integrazione in deroga (CIG), la Regione Toscana ha data la disponibilità all’attivazione, secondo la propria autonomia finanziaria. Attualmente è possibile avere una copertura per il 2015 per un massimo di 5 mesi, mentre per il 2016 non c’è ancora disponibilità (la norma attuale, è il risultato di un accordo Stato-Regioni per gli anni 2014-2015). Si prevede che, pur con contrazioni economiche, anche per il 2016 dovrebbero esserci coperture finanziarie per questo tipo di sostegno straordinario, la cassa integrazione in deroga appunto, così da sperare di coprire i lavoratori con contratto a tempo indeterminato, anche nei primi mesi del nuovo anno, quando si prevede l’asta di vendita.”
La Cherubini ha chiarito che bisogna tener presente anche di altri aspetti “tecnici”, che incideranno sull’erogazione della C.I.G. Oltre al fatto che essa è prevista per i soli lavoratori a tempo indeterminato, bisogna considerare che Floramiata ha, oltre sull’Amiata, altri due siti (Lombardia e Lazio) con normative diverse rispetto alla Toscana. Altro importante aspetto da valutare, è quello legato al carico di ferie accumulato ad oggi dai dipendenti interessati. La normativa prevede che per erogare la cassa integrazione in deroga, prima bisogna liberarsi da eventuali carichi di ferie, ma ad oggi, non è chiara la sua applicazione nel caso di lavoratori che si trovino in un fallimento ed anche in regime di esercizio provvisorio. Sostanzialmente, non è possibile consumare ferie in quanto comunque dichiarato un fallimento (e quindi rientrabili nei crediti del lavoratore da liquidare secondo le procedure fallimentari) e contestualmente non è possibile ricevere la C.I.G. in quanto esiste un monte ferie per il lavoratore. Questo, a dire della stessa Cherubini, sarà motivo di indubbio approfondimento nei prossimi incontri. La Cherubini ha sottolineato, “… come l’operato del Sindacato è concentrato nel cercare soluzioni straordinarie di sostegno economico per tutti i lavoratori, qualunque il loro contratto, ed in tempi brevissimi, fermo restando che per legge, per gli avventizi con almeno 102 giornate di lavoro, esiste già la disoccupazione agricola. Avventizi a cui guardiamo con molta attenzione, in quanto, proprio per la natura contrattuale del rapporto lavorativo, potrebbero avere difficoltà maggiori di riassunzione…”. Riguardo l’erogazione, l’idea dei Sindacati, è quella di avere un supporto dalle Istituzioni, attraverso il pagamento delle due casse integrazioni, tramite un istituto bancario, così da accelerare i tempi sicuramente più lenti dell’INPS. “Sulle prospettive dell’azienda”, continua la Cherubini, “abbiamo sollecitato la Regione sui tempi per la definizione di un’asta pubblica di vendita, così che gli ammortizzatori sociali, sempre che siano concessi, possano bastare ed avere un concreto significato…. Anche se ad oggi non abbiamo una realistica stima dell’azienda (ci vorrà almeno un mese), è necessario informare e portare a conoscenza eventuali interessati al suo acquisto, stando molto attenti ad eventuali azioni speculative…. Il tentativo è dunque quello di mantenere il valore dell’azienda e le sue realistiche capacità”. Relativamente ai criteri con cui sono stati scelti i 74 lavoratori rientrati in Floramiata e a eventuali cambiamenti nella decisione, i sindacalisti presenti, hanno ribadito che la scelta è stata del curatore Sigismondi, che se n’è assunte tutte le responsabilità. “Oltre ad aver richiesto il reintegro di altri lavoratori”, continua la sindacalista Cherubini, “abbiamo fatto richiesta di effettuare una rotazione dei dipendenti. Su questo punto, abbiamo ricevuto una disponibilità pur tra alcune limitazioni, dove la principale è quella che il Sigismondi non l’attuerà per tutti i lavoratori.” Floramiata_Assemblea_20151021_05 “L’idea della OO.SS.”, ha indicato nel suo intervento Paola Bittarello (Flai Cgil), “…è quella di affrontare passo passo, una situazione molto difficile ed in probabile cambiamento. Sono previste periodiche assemblee informative, fuori dall’orario di lavoro, così da dare a tutti i lavoratori, l’opportunità di partecipazione. Nei nostri incontri, come oggi, abbiamo il dovere di dare informazioni chiare e vere, senza fraintendimenti. Non dobbiamo essere pessimisti ma realisti. Ci sono ancora molti elementi da sviscerare nell’attuazione della C.I.G. e lo faremo in equilibrio con le Istituzioni e l’azienda, cercando le soluzioni migliori per i lavoratori… Tornando sui tempi, ribadisco che il bando di vendita sarà tra circa sei mesi, febbraio-marzo, ma sappiamo che già tra qualche settimana, attraverso delle procedure previste in questi casi, attraverso delle visite direttamente in Floramiata, si potrebbero definire alcuni valori dell’azienda, così da accelerare i parametri per la vendita. Riguardo il sostegno al reddito, anche la Bittarello, ha ribadito come ci siano dei vincoli normativi e giuridici da affrontare, in alcuni casi, anche fra lavoratore e lavoratore (fissi ed avventizi). “Abbiamo sottolineato con forza al curatore l’aspetto dei criteri di scelta, mettendo sul tavolo la possibilità della rotazione, dove, come indicato dalla Cherubini, il curatore ha mostrato apertura… Tra una settimana dovremmo rincontraci per aggiornarci su questo che è uno dei punti fondamentali sul tavolo di una trattativa che vogliamo costruttiva. Oggi è stato un incontro importante, sappiamo che la Regione e le istituzioni locali ci sono vicine, ci ascoltano e valutano con estrema attenzione la situazione e le nostre richieste”.

Antonio Pietrilli (Uila Uil), ha chiarito, dietro richiesta dei lavoratori presenti, il motivo per cui le ferie condizionano il sostegno attraverso la cassa integrazione in deroga: “La cassa integrazione viene attivata solo nel momento in cui siano state godute tutte le ferie da parte del lavoratore. Nel nostro caso specifico, essendo stato dichiarato il fallimento di Floramiata e contestualmente l’esercizio provvisorio, dove sono stati richiamati alcuni di voi, significa sostanzialmente che non è possibile goderne. Da qui l’incongruenza che sostanzialmente blocca ambedue gli aspetti (ferie e CIG). La Regione, anche attraverso il Ministero, s’è impegnata sciogliere questo nodo normativo”. Riguardo al sito laziale della provincia di Viterbo, Pietrilli ha informato che “…non può essere attivata attraverso la Regione Toscana; dovrà pertanto esserci un’azione comune tra Regioni. Momentaneamente per i pochi dipendenti del sito laziale, s’è pensato ad una sorta di lavoro part-time a compensazione della mancata attivazione della cassa integrazione.” Alcuni interventi significativi da parte dei lavoratori presenti: le richieste principali sono state sul principio della rotazione (la richiesta è quella che venga adottato a tutti i lavoratori ed a tutti i reparti), e la tutela di coloro inquadrati come avventizi, a cui venga garantita una sorta di disoccupazione agricola dopo il 31 dicembre, quando scadrà quella prevista e, soprattutto, per i tempi del bando, della successiva vendita e della eventuale riassunzione. Floramiata_Assemblea_20151021_09


L’assemblea a carattere informativo di ieri sera, è da ritenersi la prima vera e propria assemblea dei lavoratori, dopo la dichiarazione di fallimento dell’azienda Floramiata. Istituzioni locali e Sindacati sono uniti, come i lavoratori. La Regione cerca, con i propri mezzi, di contribuire al sostegno economico dei lavoratori e delle famiglie coinvolte. Alcuni sono rientrati al lavoro, altri no. Fa differenza, ma poi, in fondo, non così tanta.

Ma l’assemblea, è stata anche chiarificatrice della situazione. L’idea di chi scrive, è quella che, almeno a sentire le domande e le riflessioni di questi giorni, non ci sia ancora in tutti, una vera e propria presa di coscienza della situazione. Floramiata Servizi Srl è fallita, i cancelli son chiusi e non è possibile entrare per i lavoratori, a meno di essere richiamati ma non più dal precedente imprenditore, ma dallo Stato Italiano, attraverso un nominato, ovvero il curatore fallimentare.
Pur, in esercizio provvisorio, pur con il reintegro di alcune decine di lavoratori, se entro il periodo più volte indicato (sei mesi, appunto), non verrà acquisita da terzi, i lavoratori rimarranno senza lavoro e non avranno ulteriori sostegni economici “in deroga”.
Amareggia, dispiace e preoccupa questa triste verità, ma, ad oggi, la situazione è questa.

L’idea di una vendita attraverso un bando è un’opportunità, ma non appare ad oggi concretamente fattibile, e a condizioni vantaggiose, entro breve termine. Ci si augura che le Istituzioni (locali e, soprattutto, almeno nazionali) siano le attive protagoniste nella ricerca di seri e liberi imprenditori, concretamente interessati ad acquisire un’azienda con dipendenti preparati ed esperti e che sfrutta un enorme vantaggio nella produzione, il calore geotermico, visto l’abbattimento quasi totale dei costi energetici.

Occorre un libero cambio di direzione, libero da vecchie politiche e gestioni imprenditoriali troppo condizionate da esterne vicende. E’ necessario guardare al futuro con atteggiamenti diversi, spezzare catene che continuano a legare una delle più importanti risorse del comprensorio amiatino (e non solo) ad errori evidenti, divenuti storici al punto da essere considerati “normali”, “dovuti”.

I lavoratori hanno l’opportunità, oggi, ora, in questo momento, di essere i protagonisti del proprio futuro. Non è il tempo dell’attesa; non è oggi, una vertenza sindacale: oggi è la chiusura di un’azienda a cui, in molti, per più di trent’anni, han dato buona parte della loro vita. E’ una situazione grave, anche conosciuta, per certi versi, attesa. Ed è all’attesa che non si deve guardare; lo sguardo deve andare “oltre”, uno sguardo fiero e non deciso sempre da altri, perché il rischio è che se la portino via, assieme al resto, pur rimanendo lì.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

ATTIVA COOKIES
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento

Dati personali

Privacy e cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (“GDPR”), dell’art. 13 e dell’art. 122 del D.lgs. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) e del provvedimento del Garante della privacy dell’8 maggio 2014 (“Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”)

La presente informativa è resa a coloro che si collegano al presente sito internet di titolarità di IT 2000 di Marco Conti (ditta individuale). Essa ha lo scopo di descrivere il trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il Sito e/o che usufruiscono dei servizi resi accessibili attraverso il Sito stesso, quali a titolo meramente esemplificativo, acquisto on line di libri, l’iscrizione alla newsletter. La presente informativa è resa soltanto per il Sito e per gli ulteriori siti di titolarità di IT 2000 di Marco Conti, ma non anche per altri siti web di titolarità di terzi eventualmente consultati dagli utenti tramite appositi link. Si invitano gli utenti a leggere attentamente la presente informativa prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali
Titolare del trattamento IT 2000 di Marco Conti, con sede legale in Vicolo della Musica, 25, Piancastagnaio Siena P. IVA 01259640520 – Cod. Fiscale CNT MRC 62L26 H5L1T.
Non è stato nominato il responsabile della protezione dei dati (DPO) di cui all’art.37 del regolamento UE 2016/679 in quanto le attività principali del titolare del trattamento non consistono nel monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala, né nel trattamento su larga scala di categorie particolari di dati di cui all’articolo 9.

Tipologia di dati trattati
IT 2000 di Marco Conti, titolare di Amiatanews, può raccogliere alcuni dati inseriti dagli utenti nei moduli (form), quali ad esempio nome, cognome, indirizzo email e/o altri dati personali eventualmente forniti volontariamente dagli utenti durante la fase di iscrizione alla newsletter o altre richieste inoltrate dall’utente tramite il Sito.
Il Sito è accessibile agli utenti senza necessità di conferimento dei propri dati personali.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito acquisiscono automaticamente, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet. Rientrano in questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP, i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, la fascia oraria della richiesta al server, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Si tratta di informazioni che, di base, non sono raccolte per essere associate a interessati identificati e che possono essere utilizzate da IT 2000 di Marco Conti al fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento. Tali informazioni potrebbero, inoltre, essere utilizzate per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito.

Finalità e base giuridica del trattamento
I dati personali degli utenti del Sito saranno trattati esclusivamente secondo le finalità e modalità di seguito descritte nell’elenco che segue:

  • Rilevare la sua esperienza d’uso delle nostre piattaforme, dei prodotti e servizi che offriamo e assicurare il corretto funzionamento delle pagine web e dei loro contenuti.
    I trattamenti posti in essere per queste finalità si basano su un legittimo interesse del Titolare.

Modalità del trattamento
Il trattamento dei dati personali avverrà nel pieno rispetto dei principi di riservatezza, correttezza, necessità, pertinenza, liceità e trasparenza imposti dal GDPR. Il trattamento dei dati personali verrà effettuato prevalentemente mediante l’utilizzo di strumenti elettronici, ma anche in modo manuale-cartaceo, in conformità con le disposizioni normative vigenti. Idonee misure di sicurezza saranno osservate per prevenire la perdita dei dati personali, usi illeciti o non corretti degli stessi ovvero accessi non autorizzati.

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati
Il conferimento da parte dell’utente dei propri dati personali (come meglio individuati nel relativo form di raccolta dati con apposita dicitura) è necessario, a seconda dei casi, per evadere richieste e domande dell’utente o per fornirgli i beni e servizi domandati. Il mancato conferimento di tali dati impedisce, pertanto, all’utente di ricevere le informazioni, i beni e/o servizi richiesti. Il trattamento dei dati in questione, in quanto volto a evadere richieste dell’interessato, non necessita dell’espresso consenso dell’utente. Il conferimento da parte dell’utente dei dati personali per finalità di marketing è, invece, facoltativo e il relativo trattamento può avvenire soltanto con l’espresso consenso dell’utente. Il mancato conferimento dei dati personali per tali finalità non impedisce all’utente l’accesso alle varie aree del Sito ovvero il ricevimento delle informazioni o la fornitura dei beni e/o servizi richiesti.

Ambito di comunicazione e diffusione dei dati
Per il perseguimento delle finalità di cui ai punti precedenti e nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario, i dati personali dell’utente potranno essere portati a conoscenza di dipendenti e collaboratori di IT 2000 di Marco Conti, all’uopo nominati responsabili e/o incaricati del trattamento, in ragione e nei limiti delle mansioni ed incarichi ai medesimi assegnati. Potranno, inoltre, venire a conoscenza dei dati personali dell’utente i seguenti soggetti che svolgono attività connesse e/o di supporto alle attività di IT 2000 di Marco Conti e a cui quest’ultima potrebbe rivolgersi – previa nomina quali responsabili del trattamento – per l’espletamento delle predette attività, nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario e nel rispetto delle finalità di cui ai precedente punti: i gestori e amministratori del sistema informatico di cui IT 2000 di Marco Conti si avvale; i soggetti che svolgono attività di assistenza e consulenza in favore di IT 2000 di Marco Contiin materia amministrativa, contabile, fiscale e legale; i soggetti che svolgono in favore di IT 2000 di Marco Conti attività logistica, di spedizione e trasporto; i soggetti a cui la facoltà di accedere ai dati personali dell’utente è riconosciuta da disposizioni di legge, regolamenti e/o dalla normativa comunitaria.

Conservazione dei dati
I dati personali forniti saranno trattati per tutta la durata del rapporto contrattuale tra di noi in essere e ulteriormente conservati esclusivamente per il periodo previsto per l’adempimento di obblighi di legge, sempre che non risulti necessario conservarli ulteriormente per difendere o far valere un diritto o per adempiere a eventuali ulteriori obblighi di legge o ordini delle Autorità.

Diritti degli interessati
In relazione al trattamento dei dati personali, l’interessato ha diritto di chiedere a IT 2000 di Marco Conti  l’accesso – può chiedere conferma che sia o meno in essere un trattamento di dati che la riguardano, oltre a maggiori chiarimenti circa le informazioni di cui alla presente Informativa, nonché di ricevere i dati stessi, nei limiti della ragionevolezza; la rettifica: può chiedere di rettificare o integrare i dati che ci ha fornito o comunque in nostro possesso, qualora inesatti; la cancellazione – può chiedere che i suoi dati acquisiti o trattati da IT 2000 di Marco Conti vengano cancellati, qualora non siano più necessari alle nostre finalità o laddove non vi siano contestazioni o controversie in essere, in caso di revoca del consenso o sua opposizione al trattamento, in caso di trattamento illecito, ovvero qualora sussista un obbligo legale di cancellazione; la limitazione – può chiedere la limitazione del trattamento dei suoi dati personali, quando ricorre una delle condizioni di cui all’art. 18 del GDPR; in tal caso, i suoi dati non saranno trattati, salvo che per la conservazione, senza il suo consenso fatta eccezione per quanto esplicitato nel medesimo articolo al comma 2. l’opposizione – può opporsi in qualunque momento al trattamento dei suoi dati sulla base di un nostro legittimo interesse, salvo che vi siano nostri motivi legittimi per procedere al trattamento che prevalgano sui suoi, per esempio per l’esercizio o la nostra difesa in sede giudiziaria; la sua opposizione prevarrà sempre e comunque sul nostro interesse legittimo a trattare i suoi dati per finalità di marketing; la portabilità – può chiedere di ricevere i suoi dati, o di farli trasmettere ad altro titolare da lei indicato, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico.
Inoltre, ai sensi dell’art. 7, par. 3, GDPR, la informiamo che può esercitare in qualsiasi momento il suo diritto di revoca del consenso, senza che venga pregiudicata la liceità del trattamento basata sul consenso prestato antecedentemente. La informiamo che ha, altresì, diritto di proporre reclamo dinanzi all’Autorità di Controllo, che in Italia è il Garante per la Protezione dei Dati Personali.
Per esercitare tali diritti, segnalare problemi o chiedere chiarimenti sul trattamento dei propri dati personali può inviare una mail al seguente indirizzo: amiatanews@gmail.com oppure scrivere al Titolare del Trattamento all’indirizzo postale: IT 2000 di Marco Conti, Vicolo della Musica, 25 – 53025 Piancastagnaio (Siena)

Utilizzo dei cookie

Cosa sono i cookie
Un “cookie” è un file di testo creato sul computer dell’utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, col fine di immagazzinare informazioni che possono essere usate durante la visita corrente o in visite successive dello stesso sito. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell’utente (Google Chrome, Mozilla Firefox, Internet Explorer, ecc) e memorizzati sul computer di quest’ultimo.

I cookie possono essere distinti sulla base di diversi criteri:

  • In base a chi li gestisce:
    • Cookie propri o di prima parte: si tratta dei cookie installati direttamente dal titolare del sito;
    • Cookie di terze parti: si tratta dei cookie installati attraverso il sito da soggetti terzi rispetto al titolare del sito.
  • In base al tempo in cui restano attivi:
    • Cookie di sessione: questi cookie conservano le informazioni necessarie durante la sessione di navigazione e vengono cancellati subito dopo la scadenza della sessione, ovvero con la chiusura del browser;
    • Cookie persistenti: sono conservati nel tuo computer per un certo tempo che va oltre la sessione di navigazione e il sito li legge ogni volta che effettui una nuova visita. Un cookie persistente possiede una data di scadenza determinata. Il cookie smetterà di funzionare dopo tale data.
  • In base alle finalità:
    I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Si utilizzano, ad esempio, per memorizzare le preferenze dell’utente, per rendere più pertinenti gli annunci pubblicitari, per contare il numero di visitatori su una pagina.
    Sulla base delle diverse funzioni da essi svolti, i cookie utilizzati possono essere distinti in:

    • Cookie tecnici
      Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web. Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure.
    • Cookie di profilazione
      Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

Tipologie di cookie utilizzate 
I cookie si utilizzano per il funzionamento tecnico del carrello dei prodotti e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite al sito. Non vengono invece in alcun modo utilizzati cookie per finalità profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione.

Nome Durata Funzione
PHPSESSID Si cancella al termine della sessione di navigazione Identifica una sessione utente
cart_in_use 6 minuti Nell’ambito di una sessione di navigazione, memorizza i dati relativi ai prodotti che l’utente inserisce nel carrello per procedere all’acquisto.
_ga 2 anni Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gid 24 ore Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gat 1 minuto Limita la raccolta di dati in siti molto trafficati. Raccoglie dati in modo anonimo.
  • PHPSESSID, cart_in_use sono cookie tecnici necessari a procedere all’acquisto dei prodotti in vendita sul sito. La loro disattivazione impedisce solo il funzionamento del carrello dei prodotti.
  • _ga, _gid, _gat sono cookie di monitoraggio che possono essere disattivati senza alcuna conseguenza sulla navigazione sito. Per disabilitarli si veda la sezione successiva.
    Il sito si avvale del servizio Google Analytics della società Google, Inc. (di seguito “Google”) per la generazione di statistiche sull’utilizzo del sito web; Google Analytics utilizza cookie che non memorizzano dati personali. Le informazioni ricavabili dai cookie sull’utilizzo del sito web da parte degli utenti (compresi gli indirizzi IP) verranno trasmesse dal browser dell’utente a Google, con sede a 1600 Amphitheatre Parkway, Mountain View, CA 94043, Stati Uniti, e depositate presso i server della società stessa.
    Secondo i termini di servizio in essere, Google utilizzerà queste informazioni, in qualità di titolare autonomo del trattamento, allo scopo di tracciare e esaminare l’utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito ad uso degli operatori del sito stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web, alle modalità di connessione (mobile, pc, browser utilizzato etc) e alle modalità di ricerca e raggiungimento delle pagine del portale. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non associerà gli indirizzi IP a nessun altro dato posseduto da Google.
    Per consultare l’informativa privacy della società Google, relativa al servizio Google Analytics, si prega di visitare il sito Internet http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html
    Per conoscere le norme sulla privacy di Google, si invita a vistare il sito Internet http://www.google.com/intl/it/privacy/privacy-policy.html
    Utilizzando questo sito, si acconsente al trattamento dei propri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopra indicati.

Disattivazione dei cookie
È possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi:

In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo fornito da Google per i browser principali.