Amiata. A Piancastagnaio il primo incontro tra Enel ed imprese

Amiatanews (Marco Conti): Piancastagnaio 13/01/2015
Enel alle imprese amiatine: volontà di concreta collaborazione.

Si è svolto ieri, 12 gennaio, il primo incontro tra Enel Green Power e le imprese amiatine. Voluto dai sindaci dei tre “comuni geotermici” (Piancastagnaio, Santa Fiora ed Arcidosso), l’incontro ha vista la presenza di almeno una cinquantina di aziende locali e quella dello staff dirigenziale di Enel (Toscana e Nazionale) con in primis il Responsabile Geotermia Enel Green Power Ing. Massimo Montemaggi.
L’obiettivo dell’incontro era principalmente quello di mettere in diretto contatto le aziende amiatine con i responsabili di Enel Green Power (Enel GP), per quel che riguarda la fornitura di prodotti e servizi legati alle attività di mantenimento e sviluppo degli impianti geotermici.

Nelle parole di benvenuto iniziale dei Sindaci Vagaggini (Piancastagnaio), Balocchi (Santa Fiora) e Marini (Arcidosso), le intenzioni di collaborare attivamente con Enel GP, viste le nuove intenzioni ed atteggiamenti dell’azienda verso le stesse Amministrazioni ed il territorio. Dunque tre nuovi Sindaci e tre volontà congiunte nel migliorare le sinergie con Enel GP, confermando che la salute e l’ambiente sono presupposto per operare su un territorio che, in passato, ha visto spesso Enel operare in una maniera oggi comunque non più accettabile e sostenibile.
Ovviamente tra le primarie richieste, quelle di realistiche ricadute occupazionali, con il sostegno alle imprese locali e le nuove opportunità legate anche allo sviluppo di un turismo rinnovato in Amiata, da troppi anni condizionato anche da una non sempre condivisibile gestione della stessa geotermia. Nelle parole dei Sindaci, non più un’Amiata “terra di conquista”, ma territorio di aziende e lavoratori, che, anche con Enel, dovranno crescere in numero, in formazione, in riconoscimento e prestigio.

Un’assemblea che ha visto i responsabili Enel presentare le attività dell’azienda sia a livello nazionale che mondiale, indicando strategie e volontà generali e, ovviamente, le attività geotermiche previste sull’Amiata che vedono oggi la centrale Bagnore 4, come esempio di “eccellenza mondiale in termini di tecnologia” e Piancastagnaio al centro tra le presenti e future attività principali.
Nella presentazione di Enel GP, l’a
nalisi della ricaduta nell’ultimo triennio, i programmi nei prossimi anni  e le strategie di diversificazione finalizzate ad una maggiore collaborazione delle imprese amiatine con il mondo Enel. Programmi dove lo stesso Ing. Montemaggi ha voluto porre delle “incertezze”, viste le moratorie ed i fermi amministrativi passati allo sviluppo geotermico.
Seguito con attenzione l’intervento sulle procedure e modalità per il processo di qualifica alle gare Enel per partecipare a
gare ed appalti, con impegno da parte di questa ad organizzare un incontro sul corretto utilizzo del portale web. A tal proposito, vista la dimensione ridotta delle aziende in Amiata, l’invito a costituirsi in A.T.I. (Associazioni Temporanea d’Impresa), così da poter partecipare a gare importanti e poter concorrere ad investimenti medi di circa centocinquanta milioni di Euro/anno.

Gli imprenditori presenti hanno manifestata l’idea che lo sviluppo della geotermia ad alta entalpia nell’Amiata, è una prospettiva da percorrere, senza pregiudizi, continuando a mantenere alta l’attenzione per la salute delle persone e dell’ambiente come per qualsiasi processo industriale. (Ricordiamo che per “geotermia ad alta entalpia” si intende quella in grado di produrre energia elettrica attraverso il vapore ad alta temperatura che, azionando delle turbine, trasforma il proprio contenuto energetico in energia meccanica.)
Lo sfruttamento del vapore e dell’acqua calda, oltre che per la produzione di energia elettrica, il teleriscaldamento delle abitazioni e per la produzione di calore per uso industriale, deve essere concretamente quel motore ò creare  nuovi posti di lavoro e non solamente consolidare l’attuale livello occupazionale. Secondo gli imprenditori  sicuramente una grossa opportunità di lavoro per le persone e le imprese, per tutto l’indotto. La ricchezza prodotta ha, inoltre, effetti benefici su tutto il sistema dei servizi pubblici e può produrre una contrazione sensibile della fiscalità. Meno tasse, dunque, e più lavoro con la convinzione che la sospensione o la chiusura dell’attività geotermica provocherebbe una regressione economica e sociale.

Un incontro “interlocutorio”, una sorta di “prima volta” che ha visto una presenza significativa di aziende al punto che l’organizzazione ha deciso di trasferirsi presso la saletta Comunale del Comune di Piancastagnaio, visto che quella delle riunioni dell’Unione dei Comuni Amiata Val d’Orcia, non era in grado di contenere persone e relative strumentazioni audio visive.

Riportiamo in questo articolo alcuni interventi.

Il saluto dei Sindaci

L’intervento dell’Ing. M. Montemaggi, Responsabile ENEL Green Power Geotermia

2 commenti su “Amiata. A Piancastagnaio il primo incontro tra Enel ed imprese”

  1. Colgo questa importante opportunità da privato cittadino e “ricercatore” per rivolgere 2 quesiti da approfondire insieme all’ing. Montemaggi e al suo staff tecnico scientifico. Ritengo molto positiva l’apertura offerta dall’Ingegnere a contributi esterni per migliorare l’attività di Enel Gp sull’Amiata e ringrazio i tre sindaci per lo sforzo compiuto.
    Purtroppo non ho potuto partecipare a questo interessate evento e mi sono dovuto accontentare solo delle registrazioni pubblicate sul sito amiatanews.it dal Sig. Marco Conti.
    Premetto, anche se non credo che sia di qualche utilità o dia valore aggiunto a quello che sto per dire, che dai tempi delle scuole medie sono sempre stato affascinato e ho sempre sostenuto lo sviluppo delle energie rinnovabili e anche lo sviluppo del geotermico meglio se “sostenibile”. Non ho nulla di personale contro Enel Gp e nella mia attività di ricerca, che per fortuna è sempre stata libera grazie anche ai professori che ho avuto che mi hanno lasciato sempre ampio margine d’iniziativa, ho cercato di approfondire e chiarire alcune tematiche in materia di geotermia e impatto ambientale, al di là di qualsiasi preconcetto. E’ probabile come succede a tutti che qualche volta mi sbagli e mi sia sbagliato.

    Quesito 1

    Sappiamo che gli impatti connessi con le emissioni delle centrali geotermici sono sito specifici. Le caratteristiche del fluido geotermico cambiano sia a seconda della profondità sia nello spazio e anche nel tempo. In sostanza ci sono differenze sia tra le emissioni di Bagnore 3 (BG3) e quelle di Piancastagnaio 3,4 e 5. C’erano delle differenze tra BG3 e BG1- BG2 (le centrali dove lavorava mio nonno) che prelevavano il fluido dal bacino superficiale. Ci sono differenze su BG3 da anno in anno (dati Arpat). Ci sono differenze sostanziali tra l’area tradizionale di Larderello e quella dell’Amiata. Ci sono differenze tra la
    Toscana, l’Islanda e le altre nazioni del mondo dove enel GP installa i suoi impianti.
    E’ ampiamente documentato in letteratura che la composizione dei fluidi geotermici amiatini, e in particolare quelli di Bagnore, presenti delle criticità elevate rispetto ad altri fluidi geotermici nazionali ed internazionali.

    Riteniamo insieme al Prof. Basosi che per rendere le centrali geotermiche del Monte Amiata “a impatto circa zero per quanto riguarda le emissioni”, il 100% dei fluidi geotermici con i gas incondensabili devono essere reiniettati all’interno dello stesso serbatoio geotermico (non deve uscire nulla dal ciclo di produzione). Ciò è possibile, in linea di principio, attraverso l’uso di tecnologie a ciclo binario, tecnologia di installazione che è probabilmente più costosa e può avere una minore efficienza per la produzione di energia elettrica rispetto alle tecnologie usate correntemente nei campi geotermici del Monte Amiata, ma allo stesso tempo (poiché esso è un ciclo chiuso), annulla le emissioni in atmosfera che non sono per nulla trascurabili.

    Enel GP purtroppo (a mio avviso) ha sostenuto che sull’impianto di Bagnore 4 le difficoltà poste dall’applicazione del sistema binario in contesti di fluidi ad alta temperatura (alta entalpia) non possono essere superate. Io invece ritengo che potevano essere superate puntando su investimenti in ricerca e sviluppo mirati all’implementazione di queste tecnologie, tenendo conto delle caratteristiche sito-specifiche dei fluidi geotermici Amiatini. I soggetti che a mio avviso sembravano i naturali promotori di questa ricerca erano proprio quelle aziende che già lavorano con la risorsa geotermica in Italia, poiché possiedono già know how, risorse e conoscenza del territorio.

    La regione Toscana nel 2010, con la DGR 344 e non a caso seguendo alcune direttive europee che impongono il contenimento dell’ ammoniaca (NH3), ha posto un limite alle emissioni di 2kg/h di NH3. Questo valore da BG4 non sarà mai rispettato con l’abbattitore in progetto. Infatti, si è concesso una deroga al rispetto di questo valore, perché Enel GP dichiara che sta utilizzando la migliore tecnologia disponibile (MTD). Questo passaggio che definirei “ardito, forzato” da parte della Regione di Arpat e di Enel GP, contrasta con quanto fatto nell’impianto di geotermico da 100MW di Ngatamariki (ricordiamo che Bagnore 4 è da 40 MW) che potremmo definire un esempio pratico di ciclo binario fatto con fluidi ad alta entalpia.
    https://www.youtube.com/watch?v=sEdWXbn35kQ
    https://pangea.stanford.edu/ERE/db/WGC/papers/WGC/2015/06023.pdf

    Nella registrazione l’ingegnere ribadisce che con fluidi ad alta entalpia non si possono fare cicli binari in netto contrasto con quanto fatto nell’impianto da 100 MW di New Zeland che non emette fumi in atmosfera (“there is not steam plume” ….dicono e scrivono ) e che a mio avviso avrebbe permesso di eliminare gran parte delle criticità connesse con la geotermia amiatina oltre che a rispettare i valori di legge previsti nella DGR 344.
    Ing. Montemaggi potrebbe gentilmente chiarire questo evidente paradosso tra quanto sostiene nell’intervista e quanto fatto in New Zeland da un vostro “concorrente”? Probabilmente il problema sta nel rapporto gas-incondensabili/Vapore presenti nei fluidi Amiatini rispetto a quelli di Ngatamariky. Forse in Amiata questo rapporto è più alto, mi potrebbe fornire la reference che evidenzia queste differenze, io purtroppo non riesco a trovarla?
    Ad ogni modo credo che converrà con me che la sua affermazione nell’intervento a Piancastagnaio che non si possono fare cicli binari con fluidi ad alta entalpia sia smentita dall’esempio sopracitato.
    Ci sono altre inesattezze che mi sembra di aver sentito, tra cui una riguarda il numero di pozzi per fare 150 MWel con cicli binari. A Ngatamariki la centrale geotermica ha una potenza di 100 MW e funziona con 7 pozzi “The geothermal plant consists of three production and four re-injection wells, each extending to a depth of more than 3,000m”.

    Quesito 2

    Nel lavoro mio e di Basosi (http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2014/122-14/Bravi%20M%20Basosi%20R%20Environmental%20impact%20of%20electricity%20from%20selected%20geothermal%20power.pdf), basato su dati ARPAT, si mostrano i limiti della tecnica a Flash usata dall’ENEL sull’Amiata, per quanto riguarda emissioni di CO2 (Global Warming Potential) e NH3 (Acidification) e si chiarisce che queste centrali non sono “carbon free”.
    Infatti, i pozzi (i fori) a 3000/4700 metri che servono per alimentare una centrale geotermica, creano banalmente una corsia preferenziale “un’ autostrada” che porta i gas contenuti nei serbatoi geotermici profondi (CO2, H2S, NH3, CH4 ecc.) in superficie e da qui in atmosfera. (“aumentano la permeabilità e quindi il flusso di fluidi geotermici e di gas in modo del tutto innaturale”).
    C’è un problema di tempi. Probabilmente questi gas contenuti nei serbatoi profondi in modo naturale avrebbero raggiunto la superficie, ma avrebbero impiegato “migliaia- milioni di anni” (con le fumarole , le terme, le gallerie delle miniere ecc). Con le autostrade a 3-4000 metri di profondità (le perforazioni di Enel GP) questi gas raggiungono la superficie e l’atmosfera con una velocità molto diversa da quella naturale. C’è un contrasto nei tempi; “decine di anni” contro “migliaia di anni”.
    Per esempio in Islanda (dove ci sono i gayser) si può tentare di sostenere che le emissioni naturali sono sullo stesso ordine di grandezza di quelle create dalle perforazioni per gli impianti geotermici. Ci sono scienziati (Ármannsson, H., Fridriksson, T., Kristjánsson, B.R., 2005. CO2 emissions from geothermal power plants and natural geothermal activity in Iceland. Geothermics 34, 286–296) che anche là (ripetiamolo dove i fenomeni naturali sono ben più visibili che in Italia), dubitano che le emissioni di CO2 connesse con la geotermia siano trascurabili. In Amiata e credo che in generale il discorso può essere esteso a tutte le situazioni che prevedono perforazioni profonde (migliaia di metri) con portate importanti, sostenere questa tesi è un’assurdità scientifica, che abbiamo denunciato anche nel lavoro con Basosi (accettato dalla comunità scientifica internazionale).
    Per quanto riguarda l’impatto sulla salute umana il nostro lavoro non evidenzia criticità. Purtroppo però il nostro metodo di analisi non tiene conto degli effetti che l’ammoniaca (NH3) può avere come precursore del PM10 e PM2.5. Analizzando nel dettaglio questo aspetto posso segnalare che recentemente sempre con maggior frequenza sono usciti molti lavori scientifici di prestigiose università e centri di ricerca dove si sostiene che i problemi legati alle emissioni in aria di ammoniaca presentano criticità più marcate di quanto finora non si pensasse. Alcuni lavori che ho segnalato ad ARPAT, Regione, Sindaci, ARS, Comitati (rivisti e accettati dalla comunità scientifica) stimano con precisione i danni che genera l’emissione in atmosfera di ammoniaca anche fornendo i costi sanitari al kg di NH3 immesso in atmosfera. Ma già lo stesso CAFE (Clean Air for Europe ) che risale al 2005 aveva stimato dei costi importanti sugli effetti dell’ammoniaca immessa in atmosfera e non a caso la Regione Toscana con la DGR 344 del 2010 ha imposto il limite di 2 kg/h di NH3.
    L’abbattitore di ammoniaca in progetto (realizzato) su BG3+BG4, a mio avviso, rappresenta la migliore tecnologia disponibile (MTD ) per Bagnore 3 (impianto esistente che deve ottenere la nuova autorizzazione alle emissioni e per tutti gli altri Vs impianti in funzione in Toscana che hanno problemi di NH3) ma non per Bagnore 4 (impianto di nuova realizzazione che entra in esercizio dopo il limite posto dalla DGR 344).
    La maggior parte delle emissioni di NH3 in Amiata deriva da Bagnore 3 ( circa 200-225 kg/h per 24 ore al giorno per 365 gg/anno). La NH3 genera Particolato per circa il 20% in massa: ce lo dice il report CAFE (sopracitato) a partire dal 2005. Essendo particolato di origine secondaria è molto probabile, come sostiene anche ARPAT e la Regione, che il problema si verifichi lontano dall’Amiata. In condizioni difficili da prevedere (sfortunate, poco probabili), a mio avviso non si può escludere che ci sia un aumento delle concentrazioni anche su scala locale (ovviamente mi auguro di no e mi auguro di essere smentito da una campagna di misura appropriata). A mio avviso si può escludere questa condizione solo con un misuratore in continuo del PM10 PM2.5 e dell’NH3, magari visibile da tutti da remoto ora per ora (consiglierei ad Enel di far vedere visualizzato ora per ora anche la concentrazione di H2S dalla propria rete di qualità dell’aria), posizionato in una due scuole pubbliche.
    Pensate che bello, mi collego al misuratore con internet, vedo che la concentrazione di particolato (ora per ora) noto che è inferiore del 50%, del 30, del 20, del 10% rispetto alla città dove vivo abitualmente e rientro sull’Amiata a respirare nel week end un po’ di aria “bona”, senza il sospetto che questo incantesimo sia stato rotto da scelte sbagliate. Se poi al bar trovo uno degli “irriducibili” (termine che ho sentito usare per chi è in prima linea tra i comitati ambientalisti Amiatini) che mi dice che la geotermia fa male, mi collego a internet e gli dico, guarda non mi risulta. Che stai dicendo? A mio avviso tutti ne troverebbero vantaggio: cittadini (tra cui gli stessi comitati), Enel GP, amministrazioni, strutture
    Alberghiere, proprietari di immobili dell’Amiata. Ci sarebbe il misuratore-i
    che garantisce tutti (anzi a mio avviso ci doveva essere il misuratore…..). Se invece
    purtroppo ci saranno delle criticità si affronteranno.
    Ing. Montemaggi è d’accordo con questa mia richiesta di un monitoraggio leggermente più evoluto rispetto all’attuale? Non crede che anche Enel GP ne troverebbe beneficio?
    Allo stato attuale 13.01.2015, siamo nella situazione che a BG3 si è aggiunta BG4, non si sa se l’abbattitore di NH3 ancora è in funzione, non si misura in continuo o almeno non si rendono pubbliche le concentrazioni di NH3 e di Particolato. Arpat mi dice che il misuratore in continuo nell’NH3 acquistato da Enel GP per misurare la concentrazione in aria ancora non è funzionante perché ci sono dei problemi tra software e sensore e vi dà una scadenza per farlo funzionare entro marzo 2015 “Scrive Arpat…..si prende atto di quanto dichiarato circa il malfunzionamento dell’analizzatore in continuo e si ritiene che entro il 31.3.2015, ove lo strumento non sia rientrato in funzione, debba essere da voi valutata la possibilità di sostituire l’analizzatore con altro di maggiore affidabilità, ove reperibile sul mercato.” Sinceramente a me non sembra una cosa normale, e mentre scrivo son qui che scuoto il capo.

    Condivide con me, che questo clima di poca trasparenza e chiarezza ha contribuito a creare gli allarmi e che è proprio questi allarmi minano lo sviluppo sostenibile della geotermia in Amiata, ma in generale in Toscana e in Italia?
    Si faccia un esame di coscienza chi ha contribuito a crearlo.

    La ringrazio in anticipo per le risposte che mi darà, e mi auguro che veda questo intervento come un contributo nella direzione di un miglioramento della vostra attività, cosa che anche Lei auspicava nell’incontro con le imprese a cui come ripeto non ho potuto partecipare.

    Distinti Saluti e a presto,
    Mirko Bravi

Lascia un commento

ATTIVA COOKIES
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento

Dati personali

Privacy e cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (“GDPR”), dell’art. 13 e dell’art. 122 del D.lgs. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) e del provvedimento del Garante della privacy dell’8 maggio 2014 (“Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”)

La presente informativa è resa a coloro che si collegano al presente sito internet di titolarità di IT 2000 di Marco Conti (ditta individuale). Essa ha lo scopo di descrivere il trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il Sito e/o che usufruiscono dei servizi resi accessibili attraverso il Sito stesso, quali a titolo meramente esemplificativo, acquisto on line di libri, l’iscrizione alla newsletter. La presente informativa è resa soltanto per il Sito e per gli ulteriori siti di titolarità di IT 2000 di Marco Conti, ma non anche per altri siti web di titolarità di terzi eventualmente consultati dagli utenti tramite appositi link. Si invitano gli utenti a leggere attentamente la presente informativa prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali
Titolare del trattamento IT 2000 di Marco Conti, con sede legale in Vicolo della Musica, 25, Piancastagnaio Siena P. IVA 01259640520 – Cod. Fiscale CNT MRC 62L26 H5L1T.
Non è stato nominato il responsabile della protezione dei dati (DPO) di cui all’art.37 del regolamento UE 2016/679 in quanto le attività principali del titolare del trattamento non consistono nel monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala, né nel trattamento su larga scala di categorie particolari di dati di cui all’articolo 9.

Tipologia di dati trattati
IT 2000 di Marco Conti, titolare di Amiatanews, può raccogliere alcuni dati inseriti dagli utenti nei moduli (form), quali ad esempio nome, cognome, indirizzo email e/o altri dati personali eventualmente forniti volontariamente dagli utenti durante la fase di iscrizione alla newsletter o altre richieste inoltrate dall’utente tramite il Sito.
Il Sito è accessibile agli utenti senza necessità di conferimento dei propri dati personali.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito acquisiscono automaticamente, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet. Rientrano in questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP, i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, la fascia oraria della richiesta al server, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Si tratta di informazioni che, di base, non sono raccolte per essere associate a interessati identificati e che possono essere utilizzate da IT 2000 di Marco Conti al fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento. Tali informazioni potrebbero, inoltre, essere utilizzate per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito.

Finalità e base giuridica del trattamento
I dati personali degli utenti del Sito saranno trattati esclusivamente secondo le finalità e modalità di seguito descritte nell’elenco che segue:

  • Rilevare la sua esperienza d’uso delle nostre piattaforme, dei prodotti e servizi che offriamo e assicurare il corretto funzionamento delle pagine web e dei loro contenuti.
    I trattamenti posti in essere per queste finalità si basano su un legittimo interesse del Titolare.

Modalità del trattamento
Il trattamento dei dati personali avverrà nel pieno rispetto dei principi di riservatezza, correttezza, necessità, pertinenza, liceità e trasparenza imposti dal GDPR. Il trattamento dei dati personali verrà effettuato prevalentemente mediante l’utilizzo di strumenti elettronici, ma anche in modo manuale-cartaceo, in conformità con le disposizioni normative vigenti. Idonee misure di sicurezza saranno osservate per prevenire la perdita dei dati personali, usi illeciti o non corretti degli stessi ovvero accessi non autorizzati.

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati
Il conferimento da parte dell’utente dei propri dati personali (come meglio individuati nel relativo form di raccolta dati con apposita dicitura) è necessario, a seconda dei casi, per evadere richieste e domande dell’utente o per fornirgli i beni e servizi domandati. Il mancato conferimento di tali dati impedisce, pertanto, all’utente di ricevere le informazioni, i beni e/o servizi richiesti. Il trattamento dei dati in questione, in quanto volto a evadere richieste dell’interessato, non necessita dell’espresso consenso dell’utente. Il conferimento da parte dell’utente dei dati personali per finalità di marketing è, invece, facoltativo e il relativo trattamento può avvenire soltanto con l’espresso consenso dell’utente. Il mancato conferimento dei dati personali per tali finalità non impedisce all’utente l’accesso alle varie aree del Sito ovvero il ricevimento delle informazioni o la fornitura dei beni e/o servizi richiesti.

Ambito di comunicazione e diffusione dei dati
Per il perseguimento delle finalità di cui ai punti precedenti e nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario, i dati personali dell’utente potranno essere portati a conoscenza di dipendenti e collaboratori di IT 2000 di Marco Conti, all’uopo nominati responsabili e/o incaricati del trattamento, in ragione e nei limiti delle mansioni ed incarichi ai medesimi assegnati. Potranno, inoltre, venire a conoscenza dei dati personali dell’utente i seguenti soggetti che svolgono attività connesse e/o di supporto alle attività di IT 2000 di Marco Conti e a cui quest’ultima potrebbe rivolgersi – previa nomina quali responsabili del trattamento – per l’espletamento delle predette attività, nei limiti di quanto a ciò strettamente necessario e nel rispetto delle finalità di cui ai precedente punti: i gestori e amministratori del sistema informatico di cui IT 2000 di Marco Conti si avvale; i soggetti che svolgono attività di assistenza e consulenza in favore di IT 2000 di Marco Contiin materia amministrativa, contabile, fiscale e legale; i soggetti che svolgono in favore di IT 2000 di Marco Conti attività logistica, di spedizione e trasporto; i soggetti a cui la facoltà di accedere ai dati personali dell’utente è riconosciuta da disposizioni di legge, regolamenti e/o dalla normativa comunitaria.

Conservazione dei dati
I dati personali forniti saranno trattati per tutta la durata del rapporto contrattuale tra di noi in essere e ulteriormente conservati esclusivamente per il periodo previsto per l’adempimento di obblighi di legge, sempre che non risulti necessario conservarli ulteriormente per difendere o far valere un diritto o per adempiere a eventuali ulteriori obblighi di legge o ordini delle Autorità.

Diritti degli interessati
In relazione al trattamento dei dati personali, l’interessato ha diritto di chiedere a IT 2000 di Marco Conti  l’accesso – può chiedere conferma che sia o meno in essere un trattamento di dati che la riguardano, oltre a maggiori chiarimenti circa le informazioni di cui alla presente Informativa, nonché di ricevere i dati stessi, nei limiti della ragionevolezza; la rettifica: può chiedere di rettificare o integrare i dati che ci ha fornito o comunque in nostro possesso, qualora inesatti; la cancellazione – può chiedere che i suoi dati acquisiti o trattati da IT 2000 di Marco Conti vengano cancellati, qualora non siano più necessari alle nostre finalità o laddove non vi siano contestazioni o controversie in essere, in caso di revoca del consenso o sua opposizione al trattamento, in caso di trattamento illecito, ovvero qualora sussista un obbligo legale di cancellazione; la limitazione – può chiedere la limitazione del trattamento dei suoi dati personali, quando ricorre una delle condizioni di cui all’art. 18 del GDPR; in tal caso, i suoi dati non saranno trattati, salvo che per la conservazione, senza il suo consenso fatta eccezione per quanto esplicitato nel medesimo articolo al comma 2. l’opposizione – può opporsi in qualunque momento al trattamento dei suoi dati sulla base di un nostro legittimo interesse, salvo che vi siano nostri motivi legittimi per procedere al trattamento che prevalgano sui suoi, per esempio per l’esercizio o la nostra difesa in sede giudiziaria; la sua opposizione prevarrà sempre e comunque sul nostro interesse legittimo a trattare i suoi dati per finalità di marketing; la portabilità – può chiedere di ricevere i suoi dati, o di farli trasmettere ad altro titolare da lei indicato, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico.
Inoltre, ai sensi dell’art. 7, par. 3, GDPR, la informiamo che può esercitare in qualsiasi momento il suo diritto di revoca del consenso, senza che venga pregiudicata la liceità del trattamento basata sul consenso prestato antecedentemente. La informiamo che ha, altresì, diritto di proporre reclamo dinanzi all’Autorità di Controllo, che in Italia è il Garante per la Protezione dei Dati Personali.
Per esercitare tali diritti, segnalare problemi o chiedere chiarimenti sul trattamento dei propri dati personali può inviare una mail al seguente indirizzo: amiatanews@gmail.com oppure scrivere al Titolare del Trattamento all’indirizzo postale: IT 2000 di Marco Conti, Vicolo della Musica, 25 – 53025 Piancastagnaio (Siena)

Utilizzo dei cookie

Cosa sono i cookie
Un “cookie” è un file di testo creato sul computer dell’utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, col fine di immagazzinare informazioni che possono essere usate durante la visita corrente o in visite successive dello stesso sito. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell’utente (Google Chrome, Mozilla Firefox, Internet Explorer, ecc) e memorizzati sul computer di quest’ultimo.

I cookie possono essere distinti sulla base di diversi criteri:

  • In base a chi li gestisce:
    • Cookie propri o di prima parte: si tratta dei cookie installati direttamente dal titolare del sito;
    • Cookie di terze parti: si tratta dei cookie installati attraverso il sito da soggetti terzi rispetto al titolare del sito.
  • In base al tempo in cui restano attivi:
    • Cookie di sessione: questi cookie conservano le informazioni necessarie durante la sessione di navigazione e vengono cancellati subito dopo la scadenza della sessione, ovvero con la chiusura del browser;
    • Cookie persistenti: sono conservati nel tuo computer per un certo tempo che va oltre la sessione di navigazione e il sito li legge ogni volta che effettui una nuova visita. Un cookie persistente possiede una data di scadenza determinata. Il cookie smetterà di funzionare dopo tale data.
  • In base alle finalità:
    I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Si utilizzano, ad esempio, per memorizzare le preferenze dell’utente, per rendere più pertinenti gli annunci pubblicitari, per contare il numero di visitatori su una pagina.
    Sulla base delle diverse funzioni da essi svolti, i cookie utilizzati possono essere distinti in:

    • Cookie tecnici
      Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web. Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure.
    • Cookie di profilazione
      Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

Tipologie di cookie utilizzate 
I cookie si utilizzano per il funzionamento tecnico del carrello dei prodotti e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite al sito. Non vengono invece in alcun modo utilizzati cookie per finalità profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione.

Nome Durata Funzione
PHPSESSID Si cancella al termine della sessione di navigazione Identifica una sessione utente
cart_in_use 6 minuti Nell’ambito di una sessione di navigazione, memorizza i dati relativi ai prodotti che l’utente inserisce nel carrello per procedere all’acquisto.
_ga 2 anni Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gid 24 ore Distingue gli utenti tra loro. Raccoglie dati in modo anonimo.
_gat 1 minuto Limita la raccolta di dati in siti molto trafficati. Raccoglie dati in modo anonimo.
  • PHPSESSID, cart_in_use sono cookie tecnici necessari a procedere all’acquisto dei prodotti in vendita sul sito. La loro disattivazione impedisce solo il funzionamento del carrello dei prodotti.
  • _ga, _gid, _gat sono cookie di monitoraggio che possono essere disattivati senza alcuna conseguenza sulla navigazione sito. Per disabilitarli si veda la sezione successiva.
    Il sito si avvale del servizio Google Analytics della società Google, Inc. (di seguito “Google”) per la generazione di statistiche sull’utilizzo del sito web; Google Analytics utilizza cookie che non memorizzano dati personali. Le informazioni ricavabili dai cookie sull’utilizzo del sito web da parte degli utenti (compresi gli indirizzi IP) verranno trasmesse dal browser dell’utente a Google, con sede a 1600 Amphitheatre Parkway, Mountain View, CA 94043, Stati Uniti, e depositate presso i server della società stessa.
    Secondo i termini di servizio in essere, Google utilizzerà queste informazioni, in qualità di titolare autonomo del trattamento, allo scopo di tracciare e esaminare l’utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito ad uso degli operatori del sito stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web, alle modalità di connessione (mobile, pc, browser utilizzato etc) e alle modalità di ricerca e raggiungimento delle pagine del portale. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non associerà gli indirizzi IP a nessun altro dato posseduto da Google.
    Per consultare l’informativa privacy della società Google, relativa al servizio Google Analytics, si prega di visitare il sito Internet http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html
    Per conoscere le norme sulla privacy di Google, si invita a vistare il sito Internet http://www.google.com/intl/it/privacy/privacy-policy.html
    Utilizzando questo sito, si acconsente al trattamento dei propri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopra indicati.

Disattivazione dei cookie
È possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi:

In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo fornito da Google per i browser principali.