Opere e giorni del Signore. XXIII^ Domenica del Tempo Ordinario (B)

0

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Amiata 08/09/2018
Opere e giorni del Signore. XXIII Domenica del Tempo Ordinario (B)

… pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».  (Mc 7,31-37)

31Di nuovo, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. 32Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. 33Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua;34guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». 35E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. 36E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano 37e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».


Nel rito del battesimo troviamo un gesto che il Ministro di Dio fa sulle labbra e sulle orecchie del bambino con grande attenzione: è il cosiddetto segno dell’effetà, parola che. tradotta dall’antica lingua dell’aramaico, la lingua di Gesù, significa “apriti”.
Oggi, noi ritroviamo questo segno nel vangelo di Marco, in quell’episodio che narra la guarigione di un sordo muto. La vicenda narrata, contiene una grande lezione per noi Cristiani, che rischiamo di essere muti e sordi alla parola del Signore. In effetti, Gesù, aprendo la bocca e le orecchie dell’uomo che era “stato raccomandato” dalla folla circostante, vuole aprire la bocca e le orecchie di quei farisei, tanto ligi a professare l’antica fede in Jaweh, quanto a essere sordi e muti al grido di disperazione dei fratelli circostanti. Una grande incoerenza che si scontrava con le parole della scrittura, specialmente in alcuni salmi, di lode e richiesta: “vedi non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai.”
Un invito anche per noi che nel giorno del battesimo, ci è stato dato l’impegno di  udire e proclamare, le grandi meraviglie che Dio ha operato  e opera  tuttora per noi e per la nostra vita.

Preghiera
Fa che anche oggi Signore, possiamo ascoltare la tua voce, e proclamarla con gioia, senza vergogna, gloriandoci sempre di essere tuoi figli, che sono in cammino verso di te.

Share.

About Author

Leave A Reply