Amiata GR. Fusione Santa Fiora-Castell’Azzara: partecipate le assemblee dei comitati

0

Amiatanews: Castell’Azzara – Santa Fiora 25/01/2017
Dinanzi ai Sindaci Fosco Fortunati e Federico Balocchi, l’interesse dei cittadini dimostrato anche dalle molte domande esposte durante le assemblee del 20 Gennaio scorso.

Almeno un centinaio i cittadini partecipanti alle ultime assemblee organizzate dal “Comitato promotore per la fusione dei Comuni di Castell’Azzara e Santa Fiora”, che si sono tenute Venerdì 20 Gennaio passato nei due comuni del versante grossetano del comprensorio amiatino.
Anche in questa occasione è sembrato evidente l’interesse dei cittadini presenti che hanno interagito con domande e riflessioni con gli organizzatori e i relatori degli incontri.
Presenti per le istituzioni il entrambi i Sindaci, Fosco Fortunati di Castell’Azzara e Federico Balocchi di Santa Fiora, ai rappresentanti del Comitato per la fusione, Monia Benedetti, Antonio Albertini, Vico Tenci e Moreno Pomi. Quersti ultimi, hanno esposto il cammino che porta alla fusione, che prevede la richiesta alla Regione di di indire il referendum da parte dei due Consigli Comunali dei due comuni interessati, oltre ai vantaggi legati alla fusione dei due territori nel nuovo Comune ipotizzato.

Pubblichiamo integralmente, la nota stampa pervenuta nella tarda mattinata presso la nostra redazione a firma del “Comitato promotore per la fusione dei Comuni di Castell’Azzara e Santa Fiora”


 

Comitato promotore
Comitato per la fusione dei Comuni di Castell’Azzara e Santa Fiora

La fusione di Castell’Azzara e Santa Fiora ci interessa!
Assemblee partecipate e molte domande

Due assemblee importanti con oltre 100 partecipanti sono un buon punto di partenza per la discussione – che noi vogliamo ampia – sulla proposta di fusione dei Comuni di Castell’Azzara e Santa Fiora. Ragionare insieme del futuro delle nostre comunità è straordinariamente utile, indica vitalità e radicamento della popolazione.
Il Comitato ha illustrato, con i propri coordinatori Monia Benedetti, Antonio Albertini, Vico Tenci e Moreno Pomi, sia il processo partecipativo che porta alla fusione, con alla base la richiesta alla Regione di indire il referendum da parte dei consigli comunali dei due comuni interessati, sia i possibili vantaggi legati alla fusione dei due territori nel nuovo Comune di Castell’Azzara e Santa Fiora. Nelle assemblee si è discusso sulle opportunità e sulle criticità che un processo di fusione potrebbe determinare.

I dieci milioni di euro di contributi statali e regionali, la possibilità di assumere personale, la priorità nei bandi per progetti sono tutte agevolazioni importanti che l’unità porterebbe sul territorio, ma ai vantaggi è necessario giungere senza strappi sociali, con un sistema di servizi rafforzato, con una rappresentatività delle popolazioni che garantisca la partecipazione della popolazione.
Unirsi non deve voler dire, infatti, ripetere errori del passato che hanno soltanto aumentato la burocrazia e allontanato i cittadini dai servizi. Il rilancio dei paesi passa anche da un profondo snellimento della burocrazia e la creazione di un Comune policentrico.

La testimonianza del sindaco di Treccastelli in provincia di Ancona, che, a seguito di fusione, ha incluso in un unico territorio tre comuni ha garantito un contributo concreto e utile.
L’esperienza di Treccastelli, infatti, dimostra come sui lavori pubblici siano stati investiti in breve tempo oltre cinque milioni e un milione e duecentomila ottenuti dai bandi in cui il Comune ha avuto la priorità, come sia  stata possibile una riduzione della tassazione per i nuclei familiari (dal 4 al 16%), come la fusione sia stata un’occasione per la razionalizzazione degli uffici e dei servizi a fronte di un incremento di questi ultimi, e una riduzione di spesa di oltre duecentomila euro.

Importanti e utili i contributi critici di Marzio Mambrini, assessore del Comune di Castell’Azzara che ha espresso le sue perplessità, per il rischio di perdita d’identità e di servizi come la scuola, i carabinieri e le poste, mentre il sindaco, Fosco Fortunati ha messo in evidenza come nulla sia definito, che la fusione è solo una delle ipotesi messe  sul piatto della bilancia e che comunque il referendum rimane lo strumento principe di democrazia per verificare se c’è la volontà popolare di andare in questo senso.

Federico Balocchi, sindaco di Santa Fiora, ha affermato che in linea di massima è favorevole alla fusione, subordinandola alla verifica dei benefici a lungo termine sui territori coinvolti e al pieno coinvolgimento dei cittadini in un percorso d’iniziative informative che dovranno concludersi nel referendum popolare.

La garanzia sui sistemi formativi è emersa come priorità.
La fase che ci aspetta impegna le nostre comunità in tre azioni a nostro parere fondamentali:
– Difendere ciò che siamo e abbiamo. il presidio in entrambi i Comuni dei sistema dei  servizi esistenti è strategico
– Eliminare e risolvere le criticità. Ampliare i momenti di analisi sulle necessità del nuovo territorio e sugli strumenti necessari derivanti dalla fusione
– Progettare il futuro.  Costruire originali progetti di crescita economica che sappiano creare lavoro per le giovani generazioni attraverso il sostegno alle imprese che ci sono, quelle che possono nascere e quelle che possono arrivare.

E’ importante arrivare forti e strutturati al nuovo modello organizzativo – che in ogni caso è indispensabile – come chiave di volta per difendere le nostre comunità.
Il nuovo Comune di Castell’Azzara e Santa Fiora deve rappresentare un punto di svolta, un balzo verso il futuro, un nuovo ambito ove far partire politiche di sviluppo attraverso le ingenti risorse che la fusione mette a disposizione.
Una fusione che preveda attenzione alle singole comunità, la risoluzione dei problemi attuali ereditati dall’Unione dei Comuni e alla sua incapacità di dettare un futuro d’area, la costruzione di un nuovo modo di stare insieme.

Gli snodi passano, come sempre, dalla sintesi tra infrastrutture e valorizzazione delle risorse. Il nuovo modello amministrativo dovrà agire con forza sul potenziamento della rete stradale, della rete internet e dei servizi e sulla definizione di un progetto di sviluppo che abbia come patrimonio le bellezze storico architettoniche e ambientali, la riscoperta delle tradizioni e delle produzioni agricole di qualità. Castell’Azzara e Santa Fiora dovranno essere capaci di acquisire la consapevolezza di quanto sono e quanto rappresentano essendo strategicamente collocati in una zona d’Italia di gran pregio tra la Val d’Orcia, la zona del tufo, l’Amiata e la Maremma.
Nelle prossime assemblee cercheremo di definire la “forma” di quello che dovrà diventare il nuovo comune. Una visione e degli obiettivi da consegnare ai nostri rappresentanti eletti democraticamente.

Comitato promotore per la fusione dei Comuni di Castell’Azzara e Santa Fiora
Coordinatrice: Monia Benedetti – Castell’Azzara
Gruppo di coordinamento:
Vico Tenci  – Selvena – Castell’Azzara
Moreno Pomi – Bagnolo – Santa Fiora
Antonio Albertini – Santa Fiora

 

Share.

About Author

Leave A Reply